img_big
News

Collegno: pesce, carne e funghi scaduti da dieci anni ma ancora in vendita

Prodotti alimentari già scaduti, anche da dieci anni, ma venduti come freschi. Acca­deva alla Salpi-Ristor di Collegno, azienda di surgelati con sede a Collegno. Ieri matti­na i cinque amministratori della società sono stati condannati dal tribunale di Tori­no. Tribunale che ha pure accordato una provvisionale pari a 10mila euro a Slow Food e all’Unione Consumatori, entrambi parti civili. «È il primo caso in Italia – hanno commentato al termine del processo gli avvocati Alessandro Lamacchia e Stefano Cavallito, legali di Slow Food – in cui un giudice riconosce un risarcimento per la lesione del valore del buon mangiare».
I giudici torinesi hanno inflitto una pena di tre anni e quattro mesi di carcere a Laura Formaggio, tre anni di reclusione sono stati comminati a Bruno Bianco, due anni e dieci mesi di reclusione è la pena inflitta ad Anna Francone, Simonetta Vallese è stata condannata a due anni, un anno e sette mesi di carcere, infine, sono stati inflitti a Gianfranco Formaggio. I cinque imputati, tutti amministratori dell’azienda finita sot­to processo, erano accusati, a vario titolo, dei reati di frode in commercio e commer­cio di sostanze pericolose per la salute. Il pubblico ministero Elisa Buffa aveva chie­sto pene comprese tra il due e i quattro anni di reclusione.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 19 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo