img_big
News

Piemonte, è ancora recessione: quasi 60mila in cassa, 4mila più di febbraio

È aumentata anche a marzo la domanda di cassa integrazione da parte delle imprese piemontesi. La crescita complessiva, pari al 7,1% rispetto al mese precedente, ha registra­to un rallentamento degli ammortizzatori or­dinari e una crescita relativamente moderata di quelli straordinari. Ma è boom per la cassa in deroga, in salita verticale del 123 per cento rispetto a febbraio. Il numero di lavoratori coinvolti nella regione sale così di quasi 4mila unità, tornando a lambire quota 60mila addetti.
In termini assoluti, il numero di ore richieste dalle imprese piemontesi a marzo è salito di circa 650mila unità. Nel confronto con il 2011 la situazione migliora, perché il mese scorso il monte complessivo di cassa integrazione autorizzata ha raggiunto 9 milioni 700 mila unità, un valore molto distante da quanto accadeva solo a marzo dell’anno scorso, quando il totale aveva raggiunto i 17,8 milio­ni. Rispetto alle tipologie di ammortizzatori sociali, la cassa ordinaria diminuisce del 16%, quella straordinaria aumenta del 7,9%

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 18 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo