img_big
Cronaca

Morosini, l’ultimo saluto allo stadio di Livorno tra lacrime e applausi

Un lungo applauso ha accolto il feretro di Piermario Morosini allo stadio di Livorno. La città ha voluto dare l’ultimo saluto al calciatore morto sabato sul terreno da gioco. “Siamo qui perché il ragazzo se lo merita, non per altro. Intitolaremo un settore dello stadio alla memoria di Piermario”, ha detto il sindaco della città toscana. Presenti anche compagni di squadra e il presidente Spinelli.

Un altro, lunghissimo applauso ha seguito la benedizione al feretro di Piermario Morosini sotto la tribuna d’onore dello stadio Picchi di Livorno. “Buon viaggio”, con queste parole il vescovo Simone Giusti ha concluso la sua benedizione. Tra i fiori arrivati per omaggiare il giocatore anche quello del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Il feretro ha poi fatto il giro del campo accompagnato dall’applauso delle 8mila persone presenti. In campo anche la squadra del Livorno al completo. Tutti i calciatori indossano la maglia numero 25, quella del giocatore scomparso. La salma ha poi lasciato lo stadio tra i cori dei tifosi presenti in tribuna e in curva nord. Adesso, lasciata Livorno, la destinazione del feretro è Bergamo dove da domattina è prevista la camera ardente e i funerali giovedì.

La salma di Piermario sarà attesa nel piazzale della curva dei tifosi atalantini allo stadio di Bergamo. I tifosi poi la accompagneranno fino alla vicina parrocchia di Monterosso, dove sarà allestita la camera ardente. L’arrivo a Bergamo è previsto intorno alle 21.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo