img_big
News

Paolo Bosusco è libero: “Sto bene”

Paolo Bosusco è stato liberato dai suoi rapitori. “Sono finalmente libero, sto bene”: queste le sue prime parole, ai microfoni del Tg1, dopo la sua liberazione. L’italiano era stato sequestrato il 14 marzo nella foresta di Soroda, nell’Orissa indiano, mentre accompagnava in un trekking il turista Claudio Colangelo, rilasciato poi il 25 marzo. “Saluto tutti quelli che mi vogliono bene, la mia famiglia, mio padre, mia sorella, cugine, zie parenti e tutti i miei amici sparsi in Italia e nel mondo. Non preoccupatevi, sapete che sono forte. Tutto è finito, va tutto bene, non c’é nessun problema”.

“Non ho alcun risentimento nei confronti dei miei rapitori”: ha detto poi Paolo Bosusco, visibilmente dimagrito, dopo quasi un mese nella foresta, all’arrivo a Bhubaneswar. L’ex ostaggio è giuntoalla Guest House della città, il luogo dove in questi giorni si sono incontrati i mediatori, ed è a colloquio con l’ambasciatore e il console italiani.

Il ministro degli Esteri, Terzi, ha confermato la notizia dicendo che si tratta di un ‘risultato importante che ci riempie di sosddisfazione’. ‘Si sta concludendo – ha detto il ministro – una vicenda rischiosa e molto complessa che in queste settimane ci ha visto impegnati a tutti i livelli e senza sosta, con l’obiettivo che in questi casi resta sempre quello di garantire anzitutto l’incolumità dei nostri connazionali”. “Ora – ha proseguito Terzi – il nostro lavoro continua con la stessa determinazione per assicurare la liberazione di coloro che sono ancora ostaggio di rapitori in altri paesi” . Ed ha aggiunto: “Ai loro familiari, e ai congiunti di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, va il nostro pensiero. Condividiamo l’angoscia che stanno vivendo in queste ore. La Farnesina è al loro fianco e prosegue la sua azione per la soluzione positiva di tutti i casi ancora aperti”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo