img_big
News

La saga cinese della De Tomaso: adesso entra in scena Mr. Chen

Si arricchisce di un nuovo capitolo la saga della De To­maso. Qiu Kunjian non è più la figura di riferimento della società Hotyork, il fondo che sarebbe intenzionato a inve­stire mezzo miliardo di euro nell’azienda della famiglia Rossignolo. L’ad della De To­maso, Gianluca Rossignolo, dice di non essere a cono­scenza di eventuali trascorsi di Kunjian con la legge in patria. Ma spiega che «da alcune settimane parliamo con Michael Chen, che con­trolla la quota di maggioran­za della società» e sarebbe un imprenditore di Hong Kong.
Buone notizie sono arrivate ieri per i lavoratori. In serata l’azienda ha informato i sin­dacati che il ministero del Lavoro ha autorizzato la cas­sa integrazione per crisi. Ora l’intenzione è di stipulare un accordo con l’Inps analogo a quello siglato nei mesi scorsi per anticipare gli assegni ai circa mille dipendenti della società di Torino e Livorno.
Quanto agli assetti societari di Hotyork, nei giorni scorsi l’agenzia di stampa AgiChi­na24 aveva battuto la notizia che Kunjian, secondo fonti della comunità finanziaria italiana in Cina, sarebbe sta­to estromesso dalla presi­denza del fondo di investi­mento.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 5 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo