img_big
News

Torino, banca circondata dai militari: rapinatore si cambia e fugge

 La prima gazzella arriva ses­santa secondi dopo l’allarme, e qualche istante più tardi tutto l’isolato intorno alla banca è circondato. Un rapinatore che si era intrufolato nel caveau ha appena colpito alla testa il di­rettore della Banque Chaabi du Maroc di via Belfiore 38. E gli uomini dell’Arma temono che sia rimasto asserragliato all’in­terno. «Ha una pistola – dice un militare dopo aver indossato il giubbotto antiproiettile – ma non ha ostaggi». L’allarme ces­sa dopo mezz’ora. Il tempo di controllare i locali dell’istituto di credito e scoprire che in un muro della stanza della cassa­forte c’è un buco. Il rapinatore, ammesso che fosse solo, è en­trato e uscito di lì. E prima di far perdere le proprie tracce si è pure cambiato lasciando a terra un paio di pantaloni, uno di guanti, una felpa, una coppola e due passamontagna.
I carabinieri hanno trovato la sua “divisa” in una cantina del palazzo che si affaccia sul corti­le nel retro della banca. La stes­sa in cui è stato praticato il foro per raggiungere il caveau. A terra, accanto agli abiti, un pie­de di porco, la mazzetta utiliz­zata per rompere i mattoni e un coltellaccio da cucina. La pi­stola, invece, il rapinatore l’ha portata con sé.

 

I particolari su CronacaQui in edicola il 4 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo