img_big
News

Piemonte, bollettino di guerra: negli ultimi 3 mesi 17 morti sul lavoro

Con l’incidente di sabato all’inceneritore del Gerbido salgono a 17 in soli tre mesi le vittime sul lavoro in Pie­monte. La caduta dall’impal­catura che è costata la vita all ‘operaio 48enne Cosimo Di Muro, va ad aggiungersi ad una serie di episodi tragi­ci tutti avvenuti nel torinese nelle ultime settimane: a ini­zio marzo un analogo volo da un ponteggio, sempre nel cantiere del Gerbido, risultò fatale ad Antonio Carpini, pochi giorni dopo il geologo Salvatore Parco e l’operaio Alfredo Cionfoli sono stati travolti mentre lavoravano sul l’autostrada Torino- Ao­sta, mentre l’autista Alfonso Chirichello è rimasto folgo­rato su una gru a Chivasso. Una settimana fa non ha la­sciato vittime sul terreno ma ha provocato gravi ustioni a quattro operai l’esplosione verificatasi alla Lafumet di Villastellone.
I dati sono allarmanti, in controtendenza con il calo delle morti bianche registra­to dall’Inail nel corso del 2011. Rispetto al 2006, sono scese addirittura del 45 per cento, mentre gli infortuni sono il 25 per cento in meno. Diminuzioni che però non possono far sorridere più di tanto, perché legate alla crisi e quindi al calo delle ore lavorate più che a un reale aumento dei livelli di sicu­rezza. E che le statistiche non possono cogliere in pie­no, dato che nel computo degli occupati stilato dall’istituto figurano anche i cassintegrati.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 3 aprile

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo