img_big
News

Minaccia dei No Tav: «Tutti alla Maddalena contro gli espropri»

 L’11 aprile tutti in Val Clarea. L’appello non è ancora apparso sui circuiti istituzionali del movimento No Tav ma la chiamata alla Madda­lena di Chiomonte in occasione dell’ufficializ ­zazione degli espropri è già cominciata per iniziativa degli anarchici torinesi.
«Saremo lì e ovunque sia possibile inceppare la macchina dell’occu ­pazione militare», di­cono, promettendo di mettere in piedi un’in ­tera settimana di con­testazioni: altri 7 gior­ni di fuoco come quelli che a fine febbraio hanno visto blocchi autostradali, scontri e barricate tra Chianoc­co e Bussoleno.
Il programma, spiega­no dal coordinamento, non è ancora definito, ma è probabile che le iniziative comincino già a Pasquetta. Il gior­no X resta comunque mercoledì 11 aprile quando Ltf prenderà ufficialmente possesso dei terreni a ridosso della baita Clarea. Per quel giorno i proprietari sono chiamati a presentarsi alla Maddalena per ricevere la notifica ufficia­le di esproprio temporaneo dei terreni che serviranno alla realizzazione del tunnel geo­gnostico.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 30 marzo

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo