img_big
News

Torino, travolto e stritolato da una carcassa muore nell’autodemolitore

Aveva trovato un lavoro e una casa da meno di una settimana. Una fortuna ca­pitata all’improvviso ma di cui non ha potuto gioire: alle 9 di ieri mattina la car­cassa di un’auto gli è caduta in testa, travolgen­dolo ed ucciden­dolo sul colpo.
L’ennesimo in­fortunio mortale sul lavoro è ac­caduto a Rivara.
Dopo la tragica fine di Alfonso Chirichiello , l’operaio 51enne di Leinì morto folgorato vener­dì scorso in un cantiere edile di Chivasso, ieri mattina è deceduto Gheo­ghita Remus Feghiu, rome­no di 37 anni che stava lavorando presso l’autode­molitore “Eli” di via Busa­no, nell’area industriale di Rivara. Feghiu da circa mezz’ora si era messo alla guida del “ragno”, la macchina usata per agganciare le carcasse e depositarle nella pressatri­ce, quando ha notato, du­rante lo spostamento di una delle tante carcasse nell’area dove è presente la pressatrice, la presenza a terra di un macchia d’olio. L’uomo è quindi sceso dal mezzo per con­trollare da dove provenisse quell’olio te­mendo che, più che un residuo fuoriuscito dal­la coppa di uno dei mezzi da de­molire, si potes­se trattare di una perdita idraulica del “ragno”.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 27 marzo

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo