img_big
News

Da Roma ecco altri 10 milioni per i lavori della Tav in Valsusa

Potrebbero arrivare a sorpresa 10 milioni di euro in più dal for­ziere del Cipe, il Comitato inter­ministeriale per la programma­zione economica, chiamato a stanziare i primi fondi per le compensazioni della Torino-Lio­ne. Il condizionale è d’obbligo, dato che già due settimane fa il comitato avrebbe dovuto dare il via libera all’erogazione della prima tranche, 20 milioni di eu­ro, delle risorse previste dall’ac­cordo Regione- Governo del 2009. In tutto 300 milioni di euro (200 milioni statali, 100 messi da piazza Castello) che saranno uti­lizzati per il passante ferroviario di Torino e per opere specifiche in Valsusa.
La prossima riunione dell’ente è attesa per domani. E da quel che trapela Roma potrebbe decidere di anticipare subito altre risorse, portando da 20 a 30 milioni i soldi destinati al Piemonte. I 10 milioni in più, a quanto pare, dovrebbero essere prelevati dal fondo di 135 milioni di euro (equivalenti al 5 per cento del costo dell’opera, 8,2 miliardi) che completa il pacchetto com­pensazioni per il territorio tocca­to dall’Alta velocità. Un pacchet­to che, contemplando anche l’ac­cordo di cui sopra, sfiora i 435 milioni di euro, come ha rivelato il Governo nel dossier Tav pub­blicato sul sito istituzionale.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 22 marzo

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo