img_big
News

Torino, dimesso in “codice verde” anziano muore 7 ore dopo

Sembrava il classico “colpo di frusta” dopo un tamponamento. Invece Fernando Mingolla, 82 an­ni, è morto lunedì mattina, poche ore dopo l’incidente. E dopo esse­re stato dimesso dall’o spedale Maria Vittoria. «Vogliamo capire cosa sia successo. E se ci sono delle responsabilità» spiega il fi­glio, che ha sporto denuncia in­Procura. Ieri si è svolta l’autopsia, richiesta dall’avvocato della fa­miglia, Salvatore Zavaglia, e dal medico curante, Delfo Aricò.
Mingolla, operaio Fiat in pensio­ne, viveva da tre anni in strada Andezeno 22 a Chieri con la mo­glie Carmen Cappella, 81 anni.
Domenica, intorno alle 21, è in auto, in corso Regina Margherita, con un nipote. È fermo a un sema­foro quando viene tamponato, all’altezza del civico 171. Sembra un incidente lieve: la sua Citroen C1 non riporta danni rilevanti, mentre lui sente dolore alla schie­na. Interviene un’ambulanza del 118, che lo trasporta al vicino Maria Vittoria: «È arrivato alle 21,32 e gli è stato assegnato un codice verde – fanno sapere dall’ospedale -. I medici lo hanno visitato dopo undici minuti. Il paziente non aveva perdite di co­scienza, contusioni o escoriazio­ni. Era lucido e collaborante, con un lieve indolenzimento alla schiena». L’anziano è sottoposto a esami alla colonna cervicale e lombosacrale: «Non hanno rile­vato nulla» assicurano dal Maria Vittoria, che lo dimette alle 22,20: «Su sollecitazione del paziente, desiderava andare a casa. Non c’era motivo di trattenerlo».

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 22 marzo

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo