img_big
News

Torino, agguato in pieno centro: il consigliere Musy ferito a colpi di pistola, è in coma (foto e video)

Le detonazioni risuonano secche e paurose come cannonate tra gli spessi muri del palazzo d’epoca dal cortile in acciottolato. Angelica D’Au­vare, moglie di Alberto Musy, avvoca­to e docente universitario di 44 anni, consigliere comunale Udc, è nella cu­cina di casa con la figlia di due anni e la tata. Sgomento, paura: è la tata che si affaccia alla finestra e vede, nel corti­letto prima delle scale, vicino alle ra­strelliere delle biciclette, Alberto Mu­sy a terra in un lago di sangue. Angeli­ca D’Auvare ancora in pigiama scende le scale, è lei la prima a soccorrere il marito: «Mi hanno seguito…» le dice il consigliere che perde sangue dal brac­cio, dalla spalla e dal capo. A pochi metri di distanza, intanto, le telecame­re di sorveglianza di un ristorante ri­prendono un uomo con un impermea­bile scuro e un casco integrale che si allontana camminando.
L’AGGUATO
Il film di questa follia comincia attorno alle 8 in via Barbaroux 35. Un uomo citofona a uno degli inqui­lini dell’elegante palazzina ristruttu­rata: «Devo consegnare un pacco». Dal videocitofono si vede solo una perso­na con il casco e un pacco in mano: un classico fattorino, non c’è ragione di sospettare. Di lì a pochi minuti, Alber­to Musy rientra: ha accompagnato le figlie a scuola, ma ha dimenticato a casa l’Ipad e torna a prenderlo prima di recarsi al suo studio, a due isolati di distanza. L’avvocato si trova lo scono­sciuto nel cortiletto, dopo l’androne. Gli chiede cosa faccia lì e cosa stia cercando, i due hanno un breve alter­co, per tutta risposta l’attentatore tira fuori una pistola e spara a bruciapelo. Musy tenta di scappare, il sicario spa­ra ancora: due, tre colpi, cinque, fino a vuotare il tamburo. Due proiettili finiscono contro il muro, altri due proiettili raggiungono l’avvocato alla spalla destra e alla schiena, un colpo di rimbal­zo lo ferisce alla testa. Il misterioso individuo si allontana, portando con sé – altro mistero di questa vicenda – il pacco.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 22 marzo

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo