img_big
Cronaca

Riforma del lavoro, Fornero: “Impegno massimo per raggiungere un’intesa”

“Ho sempre sostenuto che il mio impegno è massimo perché si raggiunga un’intesa”. Lo ha dichiarato il ministro del Welfare, Elsa Fornero. “Una riforma con un accordo delle parti sociali ha un valore aggiunto”, ha sottolineato il ministro per il quale “nessuno vuol cambiare le regole in senso punitivo. Ma le cose cambiano e chiediamo di fare un passo avanti per il bene del Paese e dei giovani di questo Paese”. “Posso capire – ha ribadito – che ci siano da parte di sindacati attaccamenti simbolici a regole e garanzie che fanno parte della loro storia, ma il mondo cambia”.Il ministro del Lavoro si è poi detta pronta a un nuovo faccia a faccia con le parti sociali nel pomeriggio, prima del tavolo sulla riforma di domani, a cui parteciperà anche il presidente del Consiglio, Mario Monti. La Fornero è andata a Roma, annullando altri impegni, “per essere” infatti “disponibile a nuovi incontri”. “Che spero – ha spiegato – ci saranno, confidando che portino a qualche risultato prima di domani”.

Pensioni, “entro il 30 giugno decreto su esodati”
ll ministro del Welfare si è anche impegnata a predisporre “un decreto entro il 30 giugno” che affronti il tema degli esodati, ossia di quei lavoratori in mobilità, che a fine del trattamento non avranno ancora maturato il diritto alla pensione a seguito della riforma del governo. Lo ha detto in video collegamento da Roma nel corso del convegno ‘Tutto pensioni’ organizzato dal Sole 24 Ore e dall’Inps, a cui ha partecipato il presidente dell’istituto Antonio Mastrapasqua.


Pensioni, “questioni ancora da affrontare”
“Sulle pensioni ci sono ancora questioni da affrontare”. Lo ha affermato Elsa Fornero. Fra i temi che il governo studierà, ha spiegato il ministro, “dovremo prendere in mano la previdenza integrativa, sempre più importante per completare le pensioni pubbliche”. Inoltre, c’è “il capitolo delle pensioni dei liberi professionisti. Loro pensano che ce l’abbia con loro, niente di più falso. Ma – ha continuato il ministro – il capitolo merita qualche attenzione”. Infine bisogna “rivedere il tema della ricongiunzione”. In ogni caso, ha concluso la Fornero , i criteri con cui il governo affronterà questi temi “saranno quelli che hanno ispirato la riforma delle pensioni, cioè l’equilibrio, il contemperamento degli interessi e l’equità”.


Terminato l’incontro Cgil-Cisl-Uil
E’ terminato l’incontro tra i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Susanna Camusso, Raffaele Bonanni e Luigi Angeletti, che si è tenuto nella sede della Cgil per fare il punto sulla riforma del mercato del Lavoro, alla vigilia del tavolo convocato a Palazzo Chigi. Bonanni e Angeletti sono usciti insieme senza fare alcuna dichiarazione ma limitandosi ad affermare: “Stiamo lavorando”.


Camusso: “Nessun documento condiviso”
“Non c’è nessun documento condiviso con Cisl e Uil sull’art.18”: lo ha detto il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, aggiungendo però che con i colleghi segretari di Cisl e Uil “continueremo a sentirci”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo