img_big
Cronaca

Riforma del lavoro, Fornero: “Non capirei un no dei sindacati”

Il ministro del Welfare Elsa Fornero, ottimista sull’accordo con i sindacati per la riforma del mercato del lavoro, assicura che questa bozza è buona e dice che “risulterebbe molto difficile capire il no dei sindacati” alla proposta. Ma il leader della Cisl Raffaele Bonanni chiede modifiche su mobilità e ammortizzatori sociali e avverte: “Il governo deve stare attento. Se, dopo la vicenda pensioni, salta anche questo tavolo, c’è una cesura non facile”.

“Confido nell’accordo e lavoro per questo – ha detto la Fornero – l’entità del cambiamento è tale che posso capire che l’interpretazione di primo acchito sia uno shock. Però io ritengo che la riforma sia una buona riforma e mi risulterebbe molto difficile capire da parte del sindacato italiano che non si dichiari d’accordo con una riforma che lavora per l’intrusione e l’universalità degli ammortizzatori sociali”.


Fornero: No a paccata di miliardi
Il ministro del Lavoro chiarisce: l’esecutivo si impegna a trovare “risorse più adeguate” per fare in modo che il meccanismo degli ammortizzatori ed il mercato del lavoro funzionino bene ma il governo non è disponibile a mettere “una paccata di miliardi”‘ di fronte ad un sindacato che dice no.


“Basta privilegi”
La riforma del mercato per renderlo più inclusivo e dinamico dovrebbe prevedere “maggiore facilità” di entrata e un po’ più di facilità di uscita”. Per il ministro del Lavoro è necessario “smantellare le protezioni” che si sono costituite “fino alla difesa dei privilegi”.

 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo