img_big
Cronaca

Carica su youtube il video dello scippo alla madre: i rapinatori si costituiscono

Sono stati due giovani di 21 e 20 anni gli autori del violento scippo a una signora di Frattamaggiore (Napoli) il cui video è stato pubblicato su Youtube dal figlio della vittima, con la promessa di una taglia da duemila euro a chiunque avrebbe dato indicazioni sui nomi dei malviventi. I due si sono consegnati ai militari nella caserma di Arzano ai quali hanno confessato le loro responsabilità sulla rapina avvenuta lo scorso 27 febbraio a Frattamaggiore. Il fermo dei due giovani – spiegano i carabinieri – è frutto di attività investigativa svolta in coordinamento con la Procura di Napoli. L’attività investigativa – viene precisato – è stata messa a rischio dalla diffusione su Youtube del filmato in cui si vedevano i due mentre effettuano la rapina.

I militari dell’Arma – fanno sapere i carabinieri – hanno acquisito importanti elementi investigativi che hanno consentito l’identificazione dei malfattori i quali, sentitisi pressati da serrate indagini e dalle ricerche, si sono spontaneamente presentati in caserma ammettendo le loro responsabilità sulla rapina commessa il pomeriggio del 27 febbraio in via Rocco Capasso, a Frattamaggiore. I due malfattori, senza armi e a volto scoperto, avevano avvicinato una casalinga 54enne di Frattamaggiore per scipparla ingaggiando con la signora una violenta colluttazione per portarle via la borsa. Dopo la rapina erano fuggiti a bordo della Citroen nera. Nella colluttazione la vittima riportò varie ecchimosi alle mani giudicate guaribili in tre giorni dai sanitari dell’ospedale di Frattamaggiore. Ai carabinieri i due giovani hanno detto di avere buttato la borsa con l’intero contenuto poichè di nessun interesse (c’erano qualche spicciolo, effetti personali e assegni). Sono stati inoltre avviati accertamenti per verificare eventuali altri fatti delittuosi commessi dai due nei comuni limitrofi. I due rapinatori – riconosciuti senza alcun dubbio dalla vittima – sono stati chiusi nel carcere di Poggioreale.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo