img
Rubriche

Firenze sceglie l’auto elettrica. E Torino? Sondaggio

Leggendo qua’ e là su internet. mi sono imbattuta su una notizia pubblicata della rivista ” Quattro ruote”, che mi ha colpito particolamente:”Accordo con Firenze per la mobilità elettrica”. L’alleanza Renault-Nissan e Enel , ha stretto un importante accordo con il Comune di Firenze per promuovere lo sviluppo della mobilità elettrica.
L ‘intesa prevede lo studio congiunto di soluzioni che permettano la diffusione di veicoli elettrici, in particolare lo sviluppo di una rete di ricarica pubblica, la sperimentazione del car sharing e wan sharing elettrico( per il trasporto merci)

Introduzioni di agevolazioni fiscali per promuovere la promozione dei veicoli a zero consumi.

Da qui al 2016, inoltre il sindaco di Firenze Matteo Renzi sta pensando a un ecopass non basato sul denaro, ma sulla sostenibilità ambientale, solo chi ha un mezzo elettrico, o può contare su un car sharing elettrico potrà entrare a Firenze venendo da fuori.

Mi chiedo per Torino qual’è il piano per ridurre le emissioni nocive? Troviamo il potenziamento della mobilità ciclabile, come se tutti i torinesi potessero andare tutti in bicicletta!!!!!, continuare a creare Zone 30 come nel quartiere di Santa Rita, creare nuove zone pedonali in tutte le 10 circoscrizioni, sviluppo della metropolitana, ma di macchine elettriche neache l’ombra! Si parla solo di limitare il traffico, e aumentare il tiket del parcheggio nelle zone Blu.

E pensare che alcuni paesi del Vecchio Continente hanno già adottato misure per spingere all’acquisto di auto a basso impatto ambientale soprattutto elettriche , fra cui la Francia, la Germania, la Spagna.
E’ apprezzabile il piano strutturato dal Sindaco di Firenze.
Daniela Gatto

Perchè non fare un sondaggio tra i lettori di Cronaca qui, chiedendo loro se comprerebbero un auto elettrica? Naturlamente con qualche incentivo da parte delle Istituzioni?

Daniela Gatto

PER PARTECIPARE AL SONDAGGIO PROPOSTO DALLA NOSTRA LETTRICE, CLICCA QUI

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Buonanotte
EDITORIALE DEL GIORNO
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo