img_big
Spettacolo

Mazza prende le distanze da Celentano: “Un monologo da brividi”

«La chiusura di un qualsiasi giornale non si invoca mai: sono cose brutte e ad ascoltarle si avvertono i brividi lungo la schiena». Il direttore di Rai1 Mauro Mazza, intervistato dal Tg1, prende le distanze dall’intervento di Adriano Celentano, che ieri a Sanremo ha auspicato la chiusura di Avvenire e Famiglia Cristiana.

«Se fossimo di fronte a un filosofo contemporaneo, come Sgalambro o Cacciari – ha detto Mazza rispondendo alle domande di Vincenzo Mollica – potremmo discutere, contrastare. Ma la chiusura di un qualsiasi giornale non si invoca mai. Sono cose brutte, e ad ascoltarle si avvertono i brividi lungo la schiena». «Celentano – ha sottolineato ancora il direttore di Rai1 – è un grande cantante, ma un pessimo telecomunicatore. Sappiamo però chi ci mettiamo in casa: se si prende Celentano, lo si prende con il fiocco, tutto compreso».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo