img_big
Cronaca

Nuova ondata di gelo in arrivo, a Torino 5 intossicati e metro ko (Ecco le previsioni città per città)

Il gelo record registrato in questi giorni concede una breve tregua nelle regioni del Nord, mentre oggi il tempo rimane instabile al Sud e nelle Isole, con neve a quote collinari. Domani sera però arriverà nuova aria gelida per una nuova perturbazione dal Baltico, con nuove nevicate, soprattutto nelle regioni centrali, abbondanti sull’Adriatico. Nella giornata di oggi rasserenamenti sempre più ampi al Nord, con le ultime nevicate al mattino sul Piemonte occidentale. Più nuvole in Emilia Romagna e al Centro-sud, con piogge su Puglia, Basilicata, Calabria e Isole e neve a quote collinari; qualche debole nevicata ancora possibile a bassa quota anche nelle zone interne di Romagna, Abruzzo e Molise. Inizio di giornata meno gelido al Nord; temperature massime in rialzo al Nord e al Centro. Insistono forti venti orientali.

Intossicati da monossido nel Torinese
Cinque persone sono rimaste intossicate (tre in maniera grave) la scorsa notte nel Torinese, in due diversi episodi, a causa delle esalazioni di monossido di carbonio da bracieri o impianti di riscaldamento difettosi o inadeguati. Il caso più grave è avvenuto a Frossasco, dove una famiglia di marocchini, composta da una donna di 50 anni, una ragazza di 26 e un ragazzo di 23, ha respirato i fumi prodotti da un braciere. E’ stato il più giovane, l’unico a non perdere conoscenza, a chiedere l’intervento dei Vigili del fuoco e delle ambulanze del 118. I tre sono stati soccorsi e portati in camera iperbarica a Torino.

A Nichelino, una coppia di anziani coniugi italiani è rimasta intossicata in modo lieve dalle esalazioni di un boiler non omologato. Anche in questo caso a salvarli sono stati Vigili del fuoco e 118. La coppia è ricoverata in ospedale, ma non è stato necessario il trasferimento in camera iperbarica.  

Metro allagata a Torino
Questa mattina, poi, quattro stazioni della metropolitana di Torino si sono allagate a causa dello scoppio di alcuni tubi spaccati dal gelo. Si tratta delle stazioni Paradiso, Massaua, Principi D’Acaja e Dante. La Gtt, società pubblica che gestisce la metropolitana di Torino, ha allestito un servizio di bus sostitutivi per garantire i servizi nelle tratte interessate dai guasti.

Se avete fatto foto o video della neve o delle gelate, inviate i materiali a reporter@cronacaqui.it. Per vedere le foto e video già inviati dai lettori clicca qui

Neve a Potenza
Continua a nevicare nel Potentino, dove i disagi maggiori sono segnalati nelle aree interne del Vulture-Melfese e dell’Alto Bradano: per il quarto giorno consecutivo le scuole rimangono chiuse a Potenza e in molti altri Comuni della provincia e anche oggi la produzione nello stabilimento di Melfi (Potenza) della Fiat resterà bloccata. Molti gli interventi dei Vigili del fuoco nella notte per aiutare gli automobilisti in difficoltà e per trasportare alcuni dializzati dall’Alto Bradano, a nord di Potenza, all’ospedale del capoluogo. Strade principali percorribili, ma solo con catene o gomme da neve.

 

Neve alta nella Murgia
Sono nella Murgia barese e nel Subappennino dauno le situazioni ancora in piena emergenza in Puglia; altrove piove molto e questo favorisce lo scioglimento della neve. Piove anche a Bari, dove non è nevicato ma per due giorni – ieri e oggi – scuole e uffici pubblici sono rimasti chiusi precauzionalmente.


Ferrovie: “Circolazione regolare”
La circolazione ferroviaria si sta svolgendo regolarmente. Lo riferisce una nota di Fs sottolineando che “tutte le principali linee ferroviarie sono operative”. Si segnalano deboli precipitazioni nevose tra Benevento e Cervaro, a Bardonecchia e sulla Cuneo-Limone Piemonte.

Per le previsioni città per città clicca qui

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo