img_big
Cronaca

Nuova ondata di gelo sull’Italia, camionista morto nel tir bloccato (ecco le previsioni città per città)

Il gelo non accenna ad abbandonare l’Italia. Anzi, nel prossino fine settimana, a partire da venedrì, è previsto l’arrivo di una nuova ondata di freddo intenso proveniente dalla Russia con precipitazioni a carattere nevoso. La Protezione civile ha diramato un nuovo allerta meteo per segnalare l’arrivo di piogge al Sud e neve fino a quote di pianura su Emilia Romagna, Abruzzo, Molise, Marche, Campania e Puglia. Intanto, continua ad aggravarsi il bilancio delle vittime. Questa mattina, un camionista e’ stato trovato privo di vita nella cabina del suo mezzo, incolonnato lungo la superstrada del Liri, alle porte di Avezzano, a causa della neve. Si tratta di un uomo di 68 anni, di Bologna. Per accertare le cause della morte sono intervenuti gli agenti del commissariato di Avezzano .

In Piemonte -23,8
Il Nord, dove non nevica più dalla settimana scorsa, intanto fa i conti con il gelo. In Piemonte, il comune più freddo è nel cuneese, Villanova Solaro, dove la centralina di Arpa Piemonte ha registrato la temperatura di -23.8. Seguono le astigiane Castell’Alfero e Nizza Monferrato con -21.7 e nell’alessadrino Sezzadio con -21.5.

Nel torinese il primato del freddo va a Carmagnola con -21.4 mentre in Torino, nella zona centrale dei Giardini Reali, la minima registrata è stata -11, in periferia a le Vallere -17.4. Negli altri capoluoghi di provincia: Alessandria -18.8, Asti -20.5, Biella -8.8, Cuneo: -13.7, Novara -9.8, Verbania -6.1, Vercelli -19.3.

Le minime della notte
Di seguito, le minime della notte in alcune città italiane registrate dal servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare: Alghero 0, Ancona -4, Aosta np, L’Aquila -4, Arezzo -4, Bari 3, Bergamo -10, Bologna -11, Bolzano -9, Brescia -9, Brindisi 7, Cagliari 0, Campobasso -4, Capo Palinuro 4, Catania 4, Catanzaro 4, Enna 0, Ferrara -9, Firenze -4, Forlì -7, Frosinone -4, Gela 8, Genova -3, Grosseto -1, Imperia -2, Lamezia Terme 6, Latina 0, Lecce 6, Marina di Ravenna -8, Messina 8, Milano -12, Monte Cimone -18, Napoli 3, Olbia 0, Padova np, Palermo 6, Parma -13, Perugia -2, Pescara 0, Piacenza -14, Pian Rosà -22, Pisa -2, Potenza np, Reggio Calabria 7, Roma Ciampino -1, Roma Fiumicino -1, Sarzana -2, Siracusa 11, Taranto 4, Termoli 1, Torino -14, Trapani 6, Trento Paganella -17, Treviso -9, Trieste -7, Udine -6, Venezia -9, Verona -9, Vicenza np, Viterbo -3.(

Le previsioni
Secondo l’avviso di condizioni meteorologiche avverse, emesso nella giornata di ieri dal Dipartimento della Protezione Civile, per le prossime 24-36 ore è previsto il persistere di nevicate fino a quote di pianura su Emilia Romagna, Abruzzo e Molise e dalla tarda mattinata su Marche e Campania, con accumuli da deboli a localmente moderati. Il persistere delle condizioni meteo avverse e l’abbassarsi delle temperature fanno sì che l’insidia per la sicurezza della circolazione stradale sia la possibile formazione di ghiaccio sulle strade. Al riguardo, si raccomanda costantemente la massima prudenza, con velocità ridotta e marce basse per rallentare, mantenendo una congrua distanza di sicurezza dal veicolo che precede e avendo sempre presente che la situazione più pericolosa si presenta quando, viaggiando su di una strada asciutta, ci si trova improvvisamente su di un tratto ghiacciato.

Notizie sempre aggiornate sono disponibili attraverso il CCISS (numero gratuito 1518, sito web www.cciss.it e mobile.cciss.it, applicazione gratuita iCCISS per iPHONE), le trasmissioni di Isoradio ed i notiziari di Onda Verde sulle tre reti Radio-Rai; per l’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria è in funzione, per le informazioni sulla viabilità, il numero gratuito 800 290 092.

Se avete fatto foto o video della neve o delle gelate, inviate i materiali a reporter@cronacaqui.it. Per vedere le foto e video già inviati dai lettori clicca qui

Vittime del gelo
Si chiude con altri morti (otto, dopo i nove di sabato) un fine settimana da incubo per l’Italia nella morsa del maltempo. Ancora disagi per chi viaggia, paesi isolati, migliaia di famiglie senza energia elettrica, allarme per i consumi di gas, verso livelli record. Non si arrestano le polemiche a Roma tra il sindaco Gianni Alemanno ed il capo della Protezione civile Franco Gabrielli. Annunci di class action contro Enel ed Fs. La Regione Abruzzo ha dichiarato lo stato di emergenza. Esercito in campo con 530 uomini e 90 mezzi. Ed un nuovo allerta meteo segnala altro freddo e neve in arrivo.

A pagare soprattutto senzatetto ed anziani, le categorie più a rischio. I cadaveri di clochard sono stati rinvenuti in un parco ad Ostia (Roma), alla Stazione Termini, sempre nella Capitale (una donna di 78 anni), in un capannone abbandonato a Lucca (un cingalese di 37 anni). Anche lo sforzo di spalare neve è costato caro a qualcuno: sono stati stroncati da infarto un 51enne di Mosciano (Teramo), un 87enne di Archi (Chieti), un 79enne di San Severino Marche (Macerata). Una novantunenne è poi morta a Trieste dopo essere caduta per una raffica di bora.

Polemiche
Come sempre in questi casi, non sono mancate le polemiche. A protestare, minacciando class action, chi è rimasto senza elettricità. Ieri erano 190mila utenze, oggi sono calate a 59mila. L’Enel ha messo in campo mille uomini ed anche elicotteri per risolvere i blackout causati soprattutto da alberi caduti per la troppa neve o smottamenti del terreno. Ma c’é chi non ci sta. La Provincia di Siena sta pensando ad una class action contro la società per le 24mila utenze rimaste al buio nei giorni scorsi. “La Provincia – assicura il presidente Simone Bezzini – di concerto con i Comuni interessati, valuterà tutte le azioni da intraprendere a tutela delle nostre comunità. Quello che è certo è che per noi la storia non finirà qui”. Il Comune di Arezzo ha annunciato una class action per i disagi che hanno riguardato circa 12mila utenze. La Regione Abruzzo ha sollecitato l’Enel al ripristino delle linee elettriche danneggiate. Sul fronte treni, ancora Fs nel mirino per i convogli rimasti bloccati ieri sulla linea Roma-Pescara, riattivata in mattinata.

Scontro Alemanno-Gabrielli
E’ proseguito anche oggi lo scontro tra Alemanno e Gabrielli per il caos neve nella Capitale. “Oggi – accusa il primo cittadino di Roma – non esiste più una Protezione civile, è ridotta ad una serie di passacarte da quando è stata sciolta la struttura di Bertolaso, passano notizie ai Comuni e le passano anche male”. Gabrielli riconosce che il Dipartimento è stato “fortemente indebolito” dalla legge 10 del febbraio 2011, ma contesta con forza “ogni affermazione del sindaco”. Ribadendo che i bollettini meteo della Protezione civile “erano corretti” e ricordando di aver convocato “giovedì scorso un Comitato operativo nazionale sull’emergenza maltempo in arrivo, cui erano presenti anche Comune di Roma, Provincia e Regione Lazio: io ho chiesto a tutti i partecipanti se c’erano criticità e se c’era bisogno del concorso del sistema nazionale e nessuno ha formulato richieste”. Nella polemica scende in campo al fianco di Alemanno il segretario del Pdl, Angelino Alfano. “Il Pdl – annuncia – presenterà un atto parlamentare per verificare comportamenti e responsabilità della
Protezione Civile nella gestione dell’emergenza maltempo, soprattutto a Roma”.

Record consumo gas, allerta Ministero dello Sviluppo

Il freddo eccezionale sta facendo volare il consumo di gas, che potrebbe toccare nei prossimi giorni il record di 440 milioni di metri cubi quotidiani. L’allarme lo lancia il ministero dello Sviluppo che annuncia “ulteriori misure”, dopo aver aumentato le importazioni da Nord Europa e Nord Africa, “per riequilibrare il momentaneo calo di forniture provenienti dalla Russia e dal rigassificatore di Rovigo”.

Per le previsioni città per città clicca qui

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo