img_big
Rubriche

Miss Mondo Italia: Milano cala un duo da perdere il fiato

Cinque lombarde di cui due milanesi. La finale di ” Miss Mondo Ita­lia”, il concorso che deciderà quale tra le cinquantadue bel­lezze giunte da ogni regione rappresenterà il nostro Paese a “Miss Mondo 2010”, si terrà domani a Gallipoli. Sono Hellen Scopel e Giulia Sabet­ta le due meneghine in gara, mentre le altre tre lombarde arrivano tutte dalla provincia di Brescia: sono Giada Piz­zaioli e Stefania Orsini da Montichiari e Desiree Pon­chiardi da Roè Volciano. Le nostra ragazze sono arriva­te in Puglia già da una setti­mana per le prove delle sfila­te e dei costumi. A presentare la finale nazionale per il terzo anno consecutivo sarà nuo­vamente Giancarlo Magalli.Tanti anche i volti noti in giuria per il galà finale: dalla presidentessa Lorena Bian­chetti (conduttrice di “Dome­nica In” su Raiuno) a Candi ­da Morvillo ( direttore di”Novella 2000″), Maristhelle Garcia (“La pupa e il secchio­ne”), Jo Squillo, Sofia Bru­scoli (“Domenica In” e “Miss Mondo Italia 2006”) e il grup­po musicale latino-america­no Los Locos.Le due giovani milanesi sono state selezionate nelle nume­rose serate che da inizio si sono svolte tra la discoteca “Le Le Bahia” di Lissine, il ” The Beach”, l'” Old Fa­shion” e lo “Shocking”. Mai nessuna italiana è arrivata a conquistare l’ambita coronci­na. Ma tante milanesi ci sono andate vicine. Anna Gorassi­ni, ex volto noto del cinema con una carriera che culminò in una parte in “8 e ½” di Federico Fellini, vi partecipò nel 1957, l’ex velina Giorgia Palmas arrivò addirittura se­conda nel 2000 a Londra;Barbara Chiappini ra pp re­sentò l’Italia nell’ed izio ne del 1993 a Sun City, in Suda­frica. Una milanese “vincitrice” c’è già: è la giovane stilista Mad­dalena Triggiani che vestirà le finaliste di “Miss Mondo” con la sua collezione e creerà l’abito esclusivo con cui “Miss Mondo Italia 2010” sfi ­lerà in occasione della ker­messe mondiale di Miss Wor­ld, e che parteciperà al “Wor­ld Designer Award”, l’ambito premio che decreterà l’abito migliore. «La fonte di ispira­zione di questa creazione haute couture – spiega la Trig­giani – nasce dall’idea di uno spazio indefinito che non ha limiti, libero da ogni schema e ideologia, una metafora del­la creatività che cerca nuove forme di espressione e rap­presentazione ». Ora Miss World è guardato da più di 2 miliardi di persone, rappresenta l’evento televisi­vo annuale più visto ed atteso e continua a crescere, seguen­do la scia di questo successo, essendo l’evento per eccel­lenza più seguito da ogni par­te del mondo, pari solo ad eventi come la finale della Coppa del Mondo di calcio e alla cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici.Andrea Caglieris

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo