img_big
Sport

Maledizione Forlan: un altro infortunio

 La vigilia di Coppa Italia non porta notizie positive per l’Inter. A ve nt iq uat tr ‘ ore da una gara che avrebbe giocato sicuramente da ti­tolare, Diego Forlan si è fermato per uno stiramento al retto femorale della gamba sinistra. È il secondo infortunio di una certa entità in que­sta stagione, dopo il guaio che ha colpito l’uruguaiano nella sfida tra la sua nazionale e il Paraguay (era il mese di ottobre). Da giorni l’attac­cante avvertiva un fastidio insisten­te e gli esami effettuati dallo staff medico nel pome­riggio di ieri hanno confermato l’esistenza di un problema che impedirà a Ranieri di schierarlo stase­ra contro il Genoa e che rischia di tenerlo lontano dai campi per un mese. Ci sarà inveceWesley Sneijder, come il compagno di squadra alla ricerca di minuti importanti per recuperare la condi­zione. Ha disputato uno scampolo di partita con il Milan, negli ottavi di Coppa Italia stasera al Meazza dovrà dimostrare al suo allenatore di potersi riprendere il posto in squadra perso a causa dei tanti guai fisici. Ranieri farà sicuramente ri­corso ad un ampio turnover: sono stati esclusi dalla lista dei convocati Julio Cesar, Samuel, Pazzini e Cou­ tinho, quest’ultimo colpito da una lombalgia. Il tecnico, però, non vuo­le mollare nulla. «L’Inter l’ha vinta le due ultime edizioni, ci teniamo eccome – ha detto Ranieri alla Rai – Arriva il Genoa e sarà di sicuro una bella partita. Mi auguro che i nostri tifosi, anche se fa freddo, ci vengano a sostenere».
L’allenatore romano ha colto la palla al balzo per rispondere alle critiche sul gioco. «Mi fa piacere che siamo diventati tutti spagnoli, dico solo che preferisco tenermi il 33% di possesso palla e vince­re la partita – ha ribattutto – Vedo molte gare e non mi sembra di aver trovato tante squadre che gioca­no questo calcio stratosferico». Mentre Castellazzi prenderà posto tra i pali, in difesa dovrebbe tornare al ruolo originario di esterno difensivo il capitano Javier Zanetti, supportato da Ranocchia e Cordoba
come centrali e da Chivu a sinistra. Il giovane Faraoni, fresco di rinnovo contrattuale, verrà inve­ce utilizzato a centrocampo sulla destra, con Thia­go Motta e Poli al centro (il brasiliano è squalificato per la fondamentale gara di campionato di domeni­ca sera, avversario la Lazio) e con il già citato Sneijder a muoversi tra la trequarti e la fascia sinistra in fase difensiva. Castaignos e Zarate for ­meranno un’inedita coppia d’attacco, difficile che Ranieri si affidi a Diego Milito, vista la moria di attaccanti e l’imminente impegno in Serie A.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo