img_big
Sport

Toro, tutte le strade portano ad Alvarez

Cairo, Comi e Petrachi sbarcano a Malta e a La Val­letta andrà così in scena l’ul­timo summit di mercato pri­ma del via ufficiale della campagna di rafforzamento del Toro. Il patron granata, accompagnato dal ds e dal dg, ha fatto visita alla squa­dra. Per oggi è infatti in pro­gramma un incontro tra il presidente, il direttore spor­tivo e l’allenatore, che po­tranno così stabilire le strate­gie per affrontare nel miglio­re dei modi l’imminente fi­nestra invernale di calcio­mercato.
ANCORA ALVAREZ
I nomi in ballo sono gli stes­si, in parte, inseguiti senza successo la scorsa estate: sul fronte esterni è tornato di moda Edgar Alvarez, colpo d’agosto sfumato, che nel frattempo è però passato dal Bari al Palermo, senza eccel­lere. Il 31enne laterale offen­sivo che Ventura conosce be­ne ha giocato finora poco più di 350 minuti suddivisi in sette apparizioni complessi­ve. L’esterno honduregno non è affatto entusiasta della sua esperienza in rosanero e la stima nei confronti dell’al­lenatore granata potrebbe anche portarlo sotto la Mole nel mese di gennaio. Inoltre, conoscendo già molto bene le volontà tattiche del tecni­co, Alvarez avrebbe tutte le carte in regola per integrarsi al meglio fin da subito. Ma da cosa dipende l’eventuale ar­rivo dell’esterno del Palermo al Toro? Innanzitutto dalle alternative che il ds Petrachi sta sottoponendo all’a tten­zione e alla valutazione di Cairo e Ventura, ma non solo. Come già detto nei giorni scorsi, infatti, vengono co­stantemente monitorate le condizioni del convalescen­te Guberti, così come quelle dei recuperati Surraco e Pa­gano.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 30 dicembre

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo