img
Cronaca

Bene l’asta dei Bot, tassi al 3,2%

Il Tesoro ha collocato Ctz scadenza 2013 riuscendo a strappare un netto calo dei rendimenti al 4,853% dal 7,814% di fine novembre. Per quanto riguarda i Bot a 6 mesi, sono stati assegnati tutti i nove miliardi di titoli messi in asta oggi registrando, oltre al netto ribasso dei tassi al 3,251%, una buona domanda: il rapporto Bid-to-cover è infatti salito a 1,7 da 1,4 del collocamento di novembre.

L’alta domanda sui titoli di Stato italiani ha determinato il netto calo dei rendimenti, addirittura dimezzato per i Bot semestrali, scesi intorno al 3% dopo il 6,504% dell’asta di fine novembre. E risulta in discesa anche lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi, che si attesta a quota 482 punti proprio in seguito all’ottimo andamento dell’asta dei Bot.

Borse: Milano maglia rosa
Il risultato della vendita dei titoli fa bene anche a Piazza Affari, che è in deciso rialzo, con il Ftse Mib a +1,22% e il Ftse All Share a +1,15%. A riprendere quota sono soprattutto i titoli delle banche, con Intesa a +2,8%, Monte dei Paschi e Banca Popolare di Milano a +2,7%, e Unicredit a +0,7%.

Rimangono indietro gli altri mercati europei, con Parigi che sale dello 0,79%, Londra dello 0,64% e Francoforte dello 0,1%.


Un 2011 terrificante per la Borsa di Milano: -25%
Piazza Affari si appresta a chiudere il 2011 con un bilancio negativo per il secondo anno consecutivo. Il Ftse Mib, stando ai dati comunicati da Borsa Italiana sulla chiusura del 23 dicembre scorso, ha registrato da inizio anno una flessione del 25,28% dopo il -12% del 2010, il Ftse All Share con un -24,48% (-10,3% il 2010). L’anno più nero dall’inizio della crisi è stato il 2008 con -48% l’allora S&P Mib. La capitalizzazione complessiva di Borsa scivola così al 20,7% del Prodotto interno lordo, riportando una significativa contrazione rispetto a un anno fa quando il rapporto 27,6%. Gli scambi giornalieri hanno raggiunto una media di 2,8 miliardi di euro e di 270.156 contratti. Nel complesso da inizio anno i contratti sono stati 68,1 milioni per un controvalore da 706,7 miliardi.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo