stupinigi
Cronaca
STUPINIGI

21 milioni per il Distretto Reale: «Diventerà una nuova Venaria»

Anche la viabilità nei dintorni della Palazzina è destinata a cambiare faccia

Stupinigi come una nuova Venaria: un tassello fondamentale per lo sviluppo della rete economica e turistica del Piemonte, grazie a investimenti mirati alla valorizzazione di ciò che già c’è. «Perché nulla abbiamo da invidiare ai castelli della Loira, in Francia», commenta il governatore Alberto Cirio che del rilancio di Stupinigi vuole fare uno dei punti fermi della sua Giunta. E ieri si è avuto un assaggio di ciò che sarà, nella splendida cornice della sala d’Onore della Palazzina di Caccia: l’occasione era la firma del protocollo attuativo di valorizzazione del complesso urbano e rurale tra i comuni di Nichelino, Candiolo e Orbassano (i primi che ebbero l’intuizione nel 2015), insieme a Beinasco, None e Vinovo.

Sette anni dopo nasce, dunque, il Distretto Reale di Stupinigi, che mette in moto una serie di attività condivise e coordinate per lo sviluppo culturale, ambientale e socio-economico dell’area per complessivi 21 milioni di euro. Accanto alla cabina di regia formata dai sei comuni, aderiscono la Regione, la Città Metropolitana, la Città di Torino, il Consorzio Residenze Reali, la Fondazione Ordine Mauriziano e l’Ente Parco. Come spiegato da Giampiero Tolardo (Nichelino), si punta «alla creazione di un marchio di qualità identitario del territorio» cui si è arrivati con la creazione delle De.co, dello Stupinigi Sonic Park, la collaborazione con le associazioni “Stupinigi è” e Coldiretti che ha permesso di valorizzare le tipicità locali. Nel contesto rientra anche la viabilità, con la ripresa dei lavori della variante di Borgaretto, il completamento dei percorsi ciclabili che partono da Vinovo, Orbassano e parco Sangone, il prolungamento della linea 4 da corso Unione Sovietica sino ai poderi settecenteschi finanziati con i fondi Pums.

Infine, il restyling dei poderi San Carlo e San Raffaele curato da Coldiretti Torino e completamente autofinanziato dagli operatori economici già presenti per circa 1 milione 860mila euro: si punta al recupero delle strutture storiche e il loro rilancio commerciale e ricettivo, con la riqualificazione del Parco Storico della Palazzina per cui la Fondazione Ordine Mauriziano ha ottenuto circa 2 milioni di fondi del Pnrr. Stupinigi dunque come «Bene comune che crea bene comune per tutti» conclude Cinzia Bosso, sindaco di Orbassano e portavoce dell’Area omogenea Sud.

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo