img_big
Sport

Juve, niente pace al tavolo: «Nessun passo avanti. Ferite ancora aperte »

Tra ieri e oggi una domanda è sorta spontanea tra i tifosi bianconeri: «Che senso ha avuto indire un Tavolo della Pace se le parti in causa hanno mante­nuto esattamente la stessa posizione che avevano prima?» Un riferimento non casuale, che fa eco alle parole del presidente della Fiorentina, Diego Della Valle, il più sincero a parlare dopo l’incontro di ieri: «Al tavolo del­la pace non è stato fatto nessun passo in avanti. Ognuno rimane sulle sue posizioni».
JUVE AVANTI TUTTA
La Juventus, che per prima aveva ac­cettato l’invito del presidente Gianni Petrucci ad accettare l’incontro e che aveva chiesto chiarezza sullo scudetto 2005/2006 vinto sul campo e conse­gnato a tavolino all’Inter, non ha com­mentato. Al «parlerò più tardi» rila­sciato da Andrea Agnelli all’usci ta della sede romana del Coni non sono seguite ulteriori dichiarazioni. Un si­lenzio che sintetizza quella che è la posizione della società: andare avanti per la propria strada. Una scelta sotto­scritta e condivisa dalla tifoseria che già più di una volta allo stadio si era opposta al tavolo e che anche ieri sui forum bianconeri più importanti di Internet ha avuto parole dure contro Inter e Figc.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 15 dicembre

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo