img_big
Rubriche

Piossasco è tra le Meraviglie Italiane

In occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, il Forum Nazionale dei Giovani ha promosso il progetto denominato “Meraviglia Italiana”, il quale dopo aver ottenuto il patrocinio della Camera dei Deputati, del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, del Ministro della Gioventù, del Ministro del Turismo e di moltissime regioni italiane, ha previsto l’assegnazione del bollino di “Meraviglia Italiana” a mille tra siti paesaggistici, siti e beni culturali, oltre che manifestazioni della tradizione popolare, tra tutte le candidature pervenute da enti locali e associazioni giovanili.

Lunedì 21 novembre presso la Sala Viglione di Palazzo Lascaris, sede del Consiglio Regionale del Piemonte, a Torino, si è tenuta la conferenza di presentazione del progetto, durante la quale la città di Piossasco è stata fregiata del riconoscimento di “Meraviglia Italiana”.

Il Forum Nazionale dei Giovani lancia questa importante iniziativa col fine di valorizzare quelle bellezze poco conosciute che caratterizzano, per la loro storia e per la spettacolarità dei paesaggi, un motivo di orgoglio tutto italiano.

“Noi giovani siamo consapevoli che il futuro non offrirà grandissime opportunità e per questo il nostro impegno deve avere come obiettivo la volontà di imprimere un’inversione di tendenza, in un’ottica del fare politica in modo concreto, partendo proprio dal miglioramento e dalla valorizzazione del nostro territorio, il quale offre un tesoro da mostrare al mondo con grandissimo orgoglio.”

È quanto afferma, a margine della conferenza di “Meraviglia Italiana”, il Consigliere Comunale di Piossasco, Stefano Polastri, rappresentato da Sabrina Amatulli, il quale ha avanzato per il suo comune l’evento di Rievocazione Storica “Storie d’amore, sentimenti e passioni nei castelli e nelle ville della Romantica Piossasco di un tempo”, dedicata alla gioia di vivere e all’amore, un’imperdibile occasione per visitare i castelli arroccati sui contrafforti del Monte San Giorgio – il cui versante ripara la città da nord, conferendo alla zona sud-ovest una particolare situazione climatica, un’oasi xerotermica (da xeros = secco, caldo e asciutto), caratterizzata da una bassa piovosità estiva e dalla presenza di una flora e di una fauna tipicamente mediterranee, come l’ulivo e l’uccello occhiocotto – le ville storiche e i loro giardini, gli edifici religiosi riccamente affrescati.

L’ascesa, nel XII secolo, del casato dei Piossasco s’intrecciò con quello Sabaudo. Il nome Piossasco figurava anche nei ranghi dell’Ordine monastico – cavalleresco dei Cavalieri di San Giovanni di Gerusalemme, impegnati in funzioni di alta responsabilità presso la Corte magistrale di Rodi.

Alla fine del Duecento i Signori di Piossasco, ormai stabilmente coordinati nell’ambito della clientela dei Conti di Savoia, diventarono una delle quattro più importanti famiglie del sistema di potere sabaudo, ricoprendo importanti cariche come governatori e diplomatici, generali e ammiragli, stabilendo legami con molte realtà europee. Questi grandi casati, di cui i Piossasco furono i capofila, furono, infatti, il tessuto connettivo e il vero sostegno dello Stato Sabaudo, nei secoli della sua inarrestabile affermazione.

Dallo studio della plurisecolare storia dei Conti di Piossasco non poteva non emergere una vivace storia d’amore, i cui protagonisti – la bella, l’amato, il rivale e il cattivo – appartennero tutti al consortile dei Piossasco, seppure a rami differenti del casato.

L’edizione 2008 della rievocazione storica piossaschese, è dunque stata incentrata, secondo tradizione, sulla romantica storia d’amore tra Isabella Piossasco De’ Rossi e Marco Antonio Piossasco Folgore: un momento di grande festa collettiva, di gioiosa convivialità e di riflessione sull’Amore in tutte le sue sfaccettature.

“Grande impegno dalle Amministrazioni Comunali passate, l’attuale, insieme a tutti i partecipanti e promotori, è stato speso per proporre l’evento anche se purtroppo negli ultimi anni per motivi di ristrettezze economiche non si è potuto riproporre l’evento ma, spero e sono certo che con questo riconoscimento si possa dare un’ulteriore spinta per valorizzare maggiormente il nostro patrimonio culturale”

“Un ringraziamento particolare va al Forum Nazionale dei Giovani e ai suoi rappresentati Stefano Pacetti, Luca Yuri Toselli e Carmelo Lentino, per il progetto realizzato, il cui seguito sarà quello di dare l’opportunità a chi naviga in rete di riscoprire le bellezze italiane.

In attesa di una guida cartacea alla scoperta dei luoghi più suggestivi, l’invito è quello di visitarli!

Valorizziamo Piossasco e la nostra Italia!”

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo