img_big
Sport

Buffon elogia Conte: «Tecnico sanguigno. E daremo battaglia»

 La Juventus ha ritrovato un grande Gigi Buffon. Già determinante in di­verse partite, il portierone bianconero carica la squadra prima delle due deli­cate sfide contro Lazio e Napoli e pro­muove Antonio Conte, non solo un allenatore ma quasi un dodicesimo uomo in campo.
SPINTA DALLA PANCHINA
Grandi meriti di un avvio di stagione molto buono, la Juve li deve al suo allenatore quell’Antonio Conte che ad ogni gara si danna l’anima nell’area tecnica, urla, si agita e alla fine esplode in un abbraccio liberatorio ai suoi quando le cose vanno bene: «Siamo lì che attendiamo l’invasione, devo dire la verità – ha scherzato ieri Buffon ai microfoni di Juventus Channel -. Però è bello anche così: quando hai un alle­natore così sanguigno, che tiene in maniera viscerale al proprio lavoro, al risultato e alla prestazione della pro­pria squadra, è chiaro che ti trasmette quel tipo di voglia e di rabbia. In più, se le cose vanno bene si fa anche meno fatica a seguirlo».
VENDERE LA PELLE
Domani la Lazio, martedì il Napoli. Due gare che nell’economia di un inte­ro campionato potrebbero condiziona­re relativamente ma che, in caso di risultato positivo, darebbero grande morale: «Diciamo che non sono le gare più agevoli del campionato, però sicu­ramente venderemo cara la pelle». E su Lazio-Juventus: «Vincere sarebbe un’iniezione di fiducia – ha aggiunto Buffon -. In termini di classifica, a lungo termine, il risultato deciderà ben poco, darebbe però morale per il proseguimento del campionato. Klo­se? È uno dei pochi bomber, nel senso più pieno del termine, rimasti in circo­lazione. L’ho sempre apprezzato come goleador, ma vedendolo all’opera in Italia ho potuto scoprire anche altre qualità: la tecnica, la rapidità e la furbi­zia».

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 25 novembre

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Giubileo - Casa funeraria
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo