img_big
Sport

Marchisio da urlo: gol, corsa e assist made in Juventus

Da Principino a Re indiscusso. Clau­dio Marchisio è il grande uomo copertina della Juve capolista. E non è un caso se i riflettori sono pun­tati proprio sul più juventi­no tra gli juventini, su un torinese cresciuto a pane e Juventus, su uno che la prima maglia da titolare l’ha indossata per la pri­ma volta quando ave­va lo zainetto della scuola. Da allora quella maglia a s t r i s c e bianche e nere non s e l ‘ è m a i sfilata. Ha fatto tutta la trafila dai pulcini alla Primavera prima del grande salto in prima squadra con l’immancabile gita in provincia a mettere su muscoli ed espe­rienza. Questa sembra davvero la stagio­ne della definitiva, grande consacrazio­ne. Quantità e qualità certificata an­che dai numeri. In 10 partite ha segnato la bellezza di 5 gol. Numeri da bomber. Numeri da numero uno. In Europa solo Fabregas ha fatto meglio, con 5 reti con una partita giocata in meno, però. Lampard ne ha messi a segno 6 in 12 partite. Gerrard solo 1 ma in appena 4 presenze causa infortunio, Xabi Alonso 1 in 12 gare, Xavi 4 in 11 partite, Iniesta è ancora a quota 0. Mar­chisio, insomma, è ormai un top player. È uno dei migliori interpreti del ruolo nell’intero panorama internazionale e anche il suo valore di mercato si è salito. Se a qualcuno venisse in mente di bussa­re alla porta della Juventus per chiedere informazioni dovrebbe avere come mini­mo un assegno da 25- 30 milioni: ma il ragazzo di Chieri non è in vendita.

 

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 22 novembre

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo