img_big
Rubriche Tecnologia
Galleria 

LA RECENSIONE – Warhammer 40.000: Space Marine (Ps3, Xbox 360, Pc)

Galleria 
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Warhammer e Space Marine. Potrebbero bastare queste poche parole a scatenare l’entusiasmo e a farvi scattare verso il più vicino negozio di videogames. Stiamo infatti parlando di uno dei giochi più conosciuti al mondo, in grado di appassionare milioni di fans da un angolo all’altro del globo. Vediamo se Thq e i ragazzi di Relic Entertainment sono riusciti a realizzare una trasposizione videoludica all’altezza di un titolo tanto famoso.

LA TRAMA
Diciamo la verità, la trama in un titolo di Warhammer è solo l’espediente per portarvi ad affrontare vagonate di avversari in scontri all’ultimo sangue. Però questo non significa che non ci troveremo ad affrontare una storia avvincente che si apre con un attacco degli Orki ad un pianeta sul quale vengono fabbricate le armi utilizzate dagli umani per affrontare gli avversari. Per proteggere un obiettivo così importante dall’assalto nemico sul pianeta viene inviata una squadra di Space Marines, super guerrieri ultra pompati, iper armati e protetti da un’armatura che ha fatto la gioia degli amanti di modellismo e che è l’icona più “visibile” e nota di Warhammer.
La squadra, capitanata da Titus, ha di fronte a sè un’impresa apparentemente impossibile: un pugno di uomini contro un intero esercito di avversari. Ma vedrete che la lotta sarà molto meno squilibrata di quanto si possa pensare e che la campagna in singolo si rivelerà una cera e propria carneficina di strani esseri verdi!

IL GAMEPLAY
Con Warhammer 40000: Space Marine scordatevi gli sparatutto tattici, le sparatorie dietro comode coperture, il gioco di squadra pianificato a tavolino. Qui quello che conta sono i numeri: tanti, tantissimi nemici contro pochi, pochissimi Space Marines. E quindi largo alla brutalità, senza troppi pensieri! A disposizione avrete una gran varietà di armi, capaci di colpire anche a distanza. Potrete utilizzarle per “sfoltire” un po’ le fila nemiche e indebolire senza correre troppi rischi gli avversari più tosti ma alla fine, quasi sempre, vi troverete coinvolti in corpo a corpo dove l’unica cosa che conta è colpire il più in fretta possibile tutto quello che si muove contro di voi. Per questo avrete a disposizione una devastante Spada a catena con tutti i suoi potenziamenti con cui affettare, squartare e sbudellare. Il sangue infatti non mancherà, così come le scene particolarmente violente, in parte attutite dal fatto che a lasciarci le penne sono Orki e non esseri umani. Non che voi non possiate morire, anzi vi capiterà molto spesso di arrivare ad un passo dal farlo, con la barra dell’energia pericolosamente bassa. E a quel punto per tornare in forze avrete a disposizione una sola possibilità: “stordire” un avversario a suon di botte, avvicinarvi a lui e finirlo premendo un apposito tasto. Una vera e propria esecuzione che farà contenti gli amanti del gore e che vi permetterà di recuperare preziosa energia. Ovviamente maggiore sarà la forza dell’avversario così ucciso e maggiore sarà la quantità di energia recuperata.
Ad aggiungere un po’ di varietà al tutto, avrete la possibilità di esibirvi in schivate talmente agili da sembrare impossibili vista l’armatura che indossate e lanciare granate, molto utili nei momenti in cui il numero di avversari uno ammassato all’altro aumenta troppo. In più in alcune fasi di gioco avrete anche la possibilità di volare grazie a un apposito jet pack che vi permetterà di colpire dall’alto i nemici. Dopo un certo numero di attacchi avrete a disposizione anche una modalità “furia” – simile a quella di Kratos in God of War – nella quale per alcuni secondi subirete meno danni e i vostri attacchi saranno ancora più potenti.
Insomma, l’impressione che avrete sarà quella di essere una sorta di carro armato umano, quasi indistruttibile e portatore di una sana furia devastatrice. Forse anche troppa, nel senso che da questo punto di vista l’unico difetto del gioco potrebbe essere quello di essere, in alcuni passaggi e soprattutto nelle prime fasi di gioco, quasi troppo facile nonostante l’impressionante numero di nemici che vi si porranno di fronte.

IL MULTIPLAYER
Ovviamente anche Warhammer 40.000 non poteva essere privo di una modalità multiplayer che permette a un massimo di 16 giocatori di confrontarsi in un Team Deathmach (Annientamento), in partite basate sulla cattura di un obiettivo e, grazie all’espansione che sarà possibile scaricare online, in una modalità cooperativa per quattro persone in stile Orda. Le battaglie avvengono in mappe ben realizzate, all’interno delle quali si potranno muovere tre differenti classi di Space Marine: il Tactical Marine, in grado di usare tutte le armi da fuoco; il Devastator Marine, dotato di enorme potenza di fuoco ma poco agile nel corpo a corpo e l’Assault Marine che, al contrario, è invece specializzato negli scontri ravvicinati e dotato di jet pack.

COMPARTO TECNICO
Dal punto di vista grafico, siamo di fronte a un bellissimo gioco. Gli scenari sono vari e ben realizzati, ma soprattutto a colpire sono i personaggi. Sia gli Space Marines nelle loro armature che gli Orki sono spettacolari oltre che dotati di animazioni fluide e ben congegnate. Ovviamente di altissimo livello le scene delle esecuzioni, così come il design dei vari boss.
Ottimi il sonoro e il doppiaggio anche se pure Warhammer 40.000 è gravato da un evidente difetto di sincronizzazione tra parole e labiale che ultimamente abbiamo notato in moltissimi titoli. Un vero peccato perché si ha l’impressione che basterebbe un piccolo sforzo in più per eliminare un difetto che probabilmente viene un po’ sottovalutato, forse anche per la fretta di localizzare i giochi e metterli in commercio.
L’intelligenza artificiale dei nemici non è delle migliori ma del resto questa sembra anche una vera e propria scelta strategica. In fondo, non è che gli Orki brillino per intelligenza: la loro forza è nei numeri e nella brutalità, non certo nella raffinatezza delle loro tecniche di guerriglia.
Per finire, dal punto di vista della longevità abbiamo di fronte una decina di ore in modalità campagna, ovviamente espandibili a piacere con il multiplayer online.

Warhammer 40.000: Space Marine è un prodotto Thq distribuito da Halifax per Ps3, Xbox360 e Pc. La versione recensita è quella per Ps3.

I VOTI
Grafica 9
Sonoro 9
Giocabilità 9,5
Longevità 9
Multiplayer 8,5
Totale 9

 

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo