img_big
Spettacolo

“I Menù di Benedetta” su La7: «Le mie ricette a portata di tutti con la benedizione di Mentana»

Grande debutto su La7 per ” I Menù di Benedetta”, programma dedicato alla cucina, in onda dal lunedì al ve­nerdì, alle 12.30, condotto da Be­nedetta Parodi, new entry della rete, che proverà a far venire l’ac­quolina in bocca con ricette sem­plici e veloci. Dopo il successo di “Cotto e mangiato” su Italia 1 e del libro “Benvenuti nella mia cucina”, che ha venduto 2 milio­ni di copie, ritorna sugli schermi, dispensando consigli per rende­re più invitanti i piatti e la loro presentazione nelle occasioni speciali. Elemento cardine sa­ranno le ricette, ma anche ospiti importanti del mondo dello spet­tacolo, del giornalismo e non so­lo, che si cimenteranno dietro i fornelli.
Quali sono le novità rispetto al programma di Mediaset?
«Il primo elemento è sicuramen­te la durata di un’ora. Cercherò di intrattenere raccontando qualco­sa di me, la genesi del piatto, qualche aneddoto legato alla scelta. Restano le ricette veloci, coniugandole all’interno di un menù di tre portate, accompa­gnando gli spettatori nell’allesti ­mento di un pranzo o di una cena a tema, dando anche suggeri­menti sugli addobbi per la tavola. Avrò tre tipologie di ospiti, uno diverso per ogni puntata, che se­guirà una sola ricetta. Dall’ospite vip che metteremo alla prova, sfidandolo a preparare il suo ca­vallo di battaglia, all’invitato che non ha dimestichezza con la cu­cina, fino alla categoria degli amici, delle persone con cui con­divido la vita, con cui poter chiacchierare e scherzare, cuci­nando, introducendo l’elemento della quotidianità che rende au­tentica l’atmosfera».
Pensa di chiamare anche gran­di cuochi?
«Certo, saranno coinvolti chef di alto lignaggio che sveleranno for­mule segrete per piatti non trop­po elaborati. Daremo spazio an­che alla cucina etnica, a esperti che proporranno pietanze esoti­che da realizzare con i mezzi tra­dizionali che tutti hanno a dispo­sizione nella propria casa».
Cosa distingue i suoi “menù” da quelli dei programmi con­correnti, come quello di Raiu­no condotto da Antonella Cle­rici?
«Innanzitutto la chiarezza delle ricette alla portata di tutti. Inoltre questo format è completamente diverso dagli altri, ho voluto far leva sulla spontaneità, che sarà il leitmotiv di tutta la stagione. A esempio, non saranno tagliate le chicche del ” fuori onda”, per non tradire la naturalezza della realtà. In cucina, si sa, accadono tante cose, dai piatti bruciati, al sale dimenticato, agli scherzi del dietro le quinte, che renderanno manifesta l’allegria che è il mood di questa nuova avventura».
Chi sarà l’ospite di oggi?
«Arriverà in studio Gad Lerner. Sono molto felice di averlo al mio fianco, sarà divertente vederlo in una veste nuova, alle prese con i cibi e le patate da pelare. Inizial­mente era intimorito perché ha ammesso di non sapersi muovere in cucina, poi, nonostante tutto, se l’è cavata egregiamente. Credo sia curioso spogliare giornalisti, personaggi autorevoli, della loro seriosità, per mostrare un lato altro della loro personalità. Do­mani sarà la volta di Benedetta Mazzini».
Cosa pensa Enrico Mentana del suo arrivo a La7?
«Ha voluto fortemente che pas­sassi sulla settima rete e ha soste­nuto fin dal principio quest’idea. È stato una delle prime persone con cui ho parlato del progetto».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo