img_big
Spettacolo

Vasco Rossi atteso al cinema Caccia ai biglietti su Internet

Niente paura per il po­polo torinese del Bla­sco. Se brucia ancora la cancellazione della data all’Olimpico, decisione ine­vitabile a causa dello stato di salute della rockstar, dopo la “sbronza” di musica e parole di sabato scorso tra l’happe­ning in piazza Castello e la serata con la cover band Ra­dioPaxi al Music Village di Nichelino, arriva un’altra op­portunità per stare vicino al proprio idolo. Lunedì 5 set­tembre alle 20,30 saranno tre le sale cinematografiche che sotto la Mole, insieme alle altre duecento sparse per tut­ta Italia, proietteranno in contemporanea con la Mostra del Cinema di Venezia “Que ­sta storia qua”, il documenta­rio di Sibylle Righetti (figlia del grande amico di Rossi, Angelo Righetti, neuropsi­chiatra di scuola basagliana sempre vicino ai malesseri del vecchio amico) e Alessan­dro Paris. La colonna sonora del film, il brano inedito “I soliti”, da ieri è in rotazione su tutte le radio. I tre cinema sono i “The Space” di Torino e Beinasco e l’Uci del Lingot­to. Dalle sale fanno sapere che i biglietti sono già acqui­stabili on line: per i “The spa­ce” l’indirizzo internet è www.thespacecinama.it (892111 il telefono), per l’Uci basta connettersi a www.uci­cinemas. it. Chi riuscirà ad ac­calappiarsi i biglietti riper­corra tutta la storia dell’arti ­sta dai filmati inediti. «Dai primi 8mm e super8 degli an­ni 60 sino alle riprese in digi­tale degli anni 80 e ai filmati del telefonino fatti dallo stes­so Vasco” – racconta Paris ­all’esperienza della discote­ca Punto Club poi tramutatasi in Punto Radio, agli amici sconosciuti dell’infanzia».
«In un certo senso, parados­salmente, volevamo che fos­sero protagonisti del film più di quanto non lo sia lo stesso Vasco – spiega la Righetti – al passaggio di Rossi da dj a cantautore. E poi il grande successo targato anni ‘80, i primi problemi di droga, il sodalizio artistico contrasta­to con il compianto chitarri­sta Massimo Riva, morto il 31 maggio 1999 per un’overdose di eroina, per il quale scrive la mitica “Siamo solo noi”.
Per chi non ce la farà ad ag­giudicarsi anteprima, viven­do le stesse emozioni del tap­peto rosso e della première veneziana, rimangono due possibilità: aspettare merco­ledì 7 settembre, quando la pellicola arriverà in tutte le sale, o cercare i biglietti nelle altre due sale piemontesi che il 5 propongono l’esclusiva: l’Uci di Alessandria e il Me­gaplex “Sturdust” di Tortona (www.webtic.it).

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo