Rubriche

Pensioni e giustizia

La proposta, che circola da qualche giorno, di anticipare qualche scadenza della riforma pensionistica, è un’idea con cui concordiamo. Proposta, peraltro, di facile attuazione e che contribuirebbe a rassicurare i mercati. Se il lettore vorrà perdonarci il linguaggio un po’ sindacale, sarebbe anche una misura di equità. Infatti, chi oggi è relativamente giovane, andrà in pensione nelle migliori delle ipotesi a 65 anni, chi invece è avanti negli anni, può ancora andare in pensione prima dei 65. Un’accelerazione della riforma ridurrebbe questa discriminazione basata sull’anno di nascita.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo