img_big
Cronaca

“Gheddafi vuole trattare”, i ribelli dicono no. Nuova strage del Rais: uccisi 170 prigionieri

Muammar Gheddafi, secondo quanto affermato dall’emittente Bbc, sarebbe pronto a trattare con i ribelli. Un portavoce del Rais ha dichiarato che il Colonnello si trova ancora in Libia. A negoziare sarebbe il figlio Saadi. Ma i ribelli rispondono: non trattiamo. E liberano 10mila detenuti.

I ribelli libici non intendono negoziare con Gheddafi a meno che il Colonnello non si arrenda. Così Ali Tarhouni, ministro delle Finanze del Cnt, ha risposto a Moussa Ibrahim, il portavoce di Gheddafi che aveva riferito della disponibilità al negoziato avanzata dal deposto capo libico. “Non avrà luogo alcun negoziato”, ha detto Tahrouni, “se Gheddafi si arrende, poi negozieremo e lo prenderemo in consegna”.


Oltre 10mila detenuti liberati dai ribelli
Più di 10mila detenuti sono stati liberati dalle prigioni libiche aperte dai ribelli dopo la caduta del regime di Gheddafi. Lo riferiscono oggi gli stessi insorti a Bengasi, precisando che dall’inizio della rivolta nelle stesse carceri erano state arrestate fino a 60.000 persone.


Il capo di stato maggiore lascia Gheddafi
Intanto, un’altra defezione importante segna il regime di Gheddafi. Il generale Massoud Abdelhfid, capo delle forze armate del Colonnello, ha abbandonato il Raìs e ha formato un “Consiglio Militare Transitorio della Libia meridionale e centrale”, distinto dal Cnt di Bengasi ma con cui è pronto a collaborare con l’obiettivo comune di una transizione democratica. Lo riferisce lo stesso organismo via Twitter. Vi avrebbero aderito le guarnigioni di otto città tra cui Sirte, città natale del Rais.

Nuova strage dei fedelissimi del Rais: uccisi 170 prigionieri
Nuovo massacro compiuto dai fedelissimi di Gheddafi in fuga. Circa 170 prigionieri, secondo l’agenzia di stampa Ansa, sono stati uccisi e i cadaveri bruciati in un edificio a circa trenta metri dalla base della 32a brigata, guidata da Khamis Gheddafi, uno dei reparti militari più feroci dell’esercito del Colonnello. La base è stata conquistata dai ribelli sulla strada per l’aeroporto di Tripoli.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo