Cronaca

Napoli, tragedia in mare. Mercantile si scontra con peschereccio: dispersi padre e figlio

Collisione in mare, questa mattina, nel Golfo di Napoli, tra un mercantile e un peschereccio: due i dispersi, mentre il terzo membro dell’equipaggio è stato salvato dalla Guardia Costiera. Secondo le prime informazioni l’incidente si è verificato intorno alle 8 quando, per cause ancora in corso di accertamento, la nave mercantile ‘Jolly Grigio’ è entrata in collisione con il peschereccio ‘Giovanni Padre’ di Torre del Greco, con tre persone a bordo. Scattato l’allarme, sul posto si sono subito dirette le motovedette delle Capitanerie di Porto di Napoli e di Torre del Greco, che hanno tratto in salvo un componente dell’equipaggio del motopesca, che è affondato. Gli altri due, padre e figlio, risultano attualmente dispersi. Alle ricerche, coordinate dalla Capitaneria di Porto di Napoli, partecipano numerose motovedette della Guardia Costiera ed anche mezzi aerei.
La nave mercantile Ro-Ro Jolly Grigio era attesa al porto di Napoli all’ormeggio 48 per le previste operazioni di imbarco e sbarco di containers. La nave è solitamente impegnate nei collegamenti tra i porti del Mar Rosso e quelli italiani di Genova e Napoli. Il peschereccio ‘Giovanni Padre’, iscritto nel compartimento marittimo di Portici (che è sotto la giurisdizione della Capitaneria di Porto di Torre del Greco) si trovava al largo di Ischia per le previste operazioni di pesca.

L’incidente, sulle cui cause sono in corso accertamenti e che ha provocato l’affondamento del peschereccio a cinque miglia dalla costa dell’isola di Ischia, secondo quanto si apprende da fonti della Guardia Costiera, è avvenuto in condizioni meteo favorevoli e con visibilità ottima. Saranno gli accertamenti tecnici a stabilire se la causa dell’incidente sia stata la collisione con il cargo.

Secondo quanto si apprende, i due dispersi, sono padre e figlio. L’imbarcazione aveva lasciato all’alba il porto del Granatello, nella cittadina vesuviana, per la consueta attività di pesca. I due dispersi, insieme al comandante e proprietario del “Giovanni Padré, attualmente ricoverato all’ospedale “Rizzoli” di Ischia (le sue condizioni di salute non destano preoccupazioni) sono considerati tre esperti marinai.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo