img_big
Spettacolo

Vasco Rossi spara a zero contro Ligabue e rivela: “Vivo grazie ai farmaci”

Ligabue? “Penso che sia un bicchiere di talento in un mare di presunzione”. Sono parole di Vasco Rossi che ha pubblicato sulla propria pagina ufficiale di Facebook uno stralcio di un’intervista che gli ha fatto Red Ronnie e che uscirà a settembre, rinfocolando una polemica nata quattro mesi fa sempre sul social network. “Caro Liga – era il messaggio comparso su Fb la sera del 10 aprile – quando avrai scritto anche tu quasi duecento canzoni e avrai pubblicato 16 album inediti potrai essere messo sul mio stesso piano. Devi mangiare ancora un po’ di polenta prima di poterti confrontare con me”. La breve nota, firmata ‘Vasco’, era intitolata ‘Ho inaugurato la stagione del parliamoci chiaro e del parliamoci forte’. Poche ore dopo la portavoce di Blasco, Tania Sachs, aveva riferito che “é comparso improvvisamente un post che secondo noi non è stato scritto da Vasco ed è quindi erroneamente attribuito a lui. Riteniamo sia qualcuno che ha voluto fare uno scherzo a tutti e due”.

Ora l’anteprima dell’intervista di Red Ronnie a Vasco, postata proprio sul sito Fb del Komandante, riattizza la polemica a distanza tra i due rocker emiliani. Red: ‘Si dice che tu abbia scritto su Fb che Ligabue deve mangiare ancora molta polenta prima di confrontarsi con te’. Vasco: ‘Ma dai? Qualcuno ha scritto che Ligabue deve mangiare ancora molta polenta prima di potersi confrontare con me?’. Red: ‘Insomma l’hai scritto tu o no?’. Vasco: ‘Perche’ dovrei scrivere delle banalità così ovvie’. Red: ‘Ma insomma tu cosa ne pensi di Ligabue?’. Vasco: ‘Penso che sia un bicchiere di talento in un mare di presunzione’. Un ‘botta e risposta’ che ha da subito scatenato ancora una volta i commenti dei fans (già centinaia durante la notte), in una ‘storia senza partita’ pro-Blasco.

Il rocker è tornato a parlare delle sue condizioni di salute: “In questo periodo in cui l’argomento delle mie condizioni di salute e salito così prepotentemente alla ribalta, approfitto della vostra pazienza per informarvi che: assumo (da tempo) un cocktail di antidepressivi, psicofarmaci, ansiolitici, vitamine e altro, studiato da un equipe di medici che mi mantiene in questo ‘equilibrio’ accettabile”. Rossi, nella nota che è intitolata ‘Approfitto della vostra pazienza…’ fa anche i nomi e ringrazia tutti i dottori che lo seguono, e aggiunge: “Se sono vivo lo devo a loro e a tutta questa valanga di chimica che assumo. NON avrei superato tutte le consapevolezze, le sofferenze e la profonda depressione nella quale ero sprofondato nel 2001”.

Poi, evidenziando le ultime righe in grassetto, conclude: “Ho passato un lungo periodo di tempo in cui ogni cosa mi sembrava li per ricordarmi come la vedevo diversa, prima. Come mi risultava fastidiosa adesso mentre la trovavo normale e soddisfacente. E quella continua sensazione di groppo in gola, di sconsolata tristezza. Un velo opaco, grigio su ogni cosa”.

“Essere di cattivo umore sempre dalla mattina alla sera – continuamente – dalla sera alla mattina. Ogni giorno, ogni momento. Per settimane… mesi. Sempre. Non avrei nemmeno salutato. V.R.”. Il messaggio del cantautore a cui ha aggiunto una sua foto scattata con la webcam sullo sfondo di un cielo con le nuvole, é stato accolto con clamore dai fan, iscritti alla sua pagina. Questi, in poco più di un’ora, hanno già lasciato migliaia di messaggi di supporto al loro idolo.

“Dichiaro felicemente conclusa la mia straordinaria attività di Rockstar”. Così prosegue la nota pubblicata in versi di Vasco Rossi, come fosse il testo di una canzone, la scorsa notte alle 2.19.

Dopo l’intervista alla Rai in cui rassegnava le sue dimissioni e il ricovero nella clinica Villalba di Bologna, Vasco ha voluto chiarire ai fan le proprie intenzioni artistiche, scegliendo il maiuscolo per alcune parole. Non un ritiro completo (“non smetterò di scrivere canzoni e di cantarle – ha scritto – e neppure smetterò di fare concerti. Non mi sono ritirato, dimesso, o vado in pensione. Voglio cambiare la ‘forma’ non la ‘sostanza’) ma “voglio trovare nuove maniere, nuovi modi, cambiare le vecchie regole”. Vasco ha anche anticipato il titolo del suo prossimo lavoro: ‘I soliti’. Infine, tra quelle che saranno le nuove attività del rocker, ci sarà anche la diffusione della cultura della ‘Musica d’autoré: “Voglio dedicarmi di più a trasmettere agli altri le mie conoscenze. Voglio insegnare ad ‘ascoltare’ le Canzoni. Voglio diffondere il concetto che la Canzone d’Autore, fa parte della Cultura che conta e insieme al cinema, la musica pop e la letteratura, è una delle più importanti forme d’Arte contemporanee.” Poche ore prima di questo post ‘artistico’, Vasco era tornato a parlare delle sue condizioni di salute, spiegando di aver attraversato una forte depressione e di essere vivo grazie a medici e psicofarmaci.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo