img_big
Cronaca
L’aggressore, minorenne, dovrà rispondere di omicidio aggravato

Folle di gelosia lo pugnala con un cacciavite: morto dopo 10 giorni di agonia

Non ce l’ha fatta il ragazzo di 24 anni ferito alla testa con un cacciavite a Canicattì al culmine di una lite per una ragazza contesa. Il giovane è morto nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Sciacca (Agrigento) Calogero Giardina. L’aggressione risale al 10 luglio, quando un minorenne lo aveva attaccato in preda alle gelosia dopo averlo visto assieme alla sua ex ragazza. La posizione del minore, detenuto nel carcere minorile di Palermo, adesso si aggrava.

Il ragazzino arrestato adesso dovrà rispondere di omicidio aggravato. I carabinieri di Canicattì e la Procura della Repubblica di Agrigento stanno valutando anche la posizione di due giovani presenti all’aggressione che potrebbero avere aiutato il diciassettenne.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo