img
News
Il contributo varierà tra uno e 35 euro

Piemonte, il giorno del ticket: il prezzo varierà da esame a esame

La ricetta piemontese per sciogliere il nodo dei ticket sanitari reintrodotti dalla Finanziaria Tremonti verrà illustrata questa mattina al Tavolo Massicci convocato a Roma. Il testo elaborato dalla Regione prevede una compartecipazione modulata sulla base della prestazione erogata, in modo da non penalizzare chi richiede gli esami di base. Una soluzione “alla lombarda” che però deve fare i conti con i calcoli riformulati nelle ultime ore dal ministero della Salute e dalla Ragioneria dello Stato. Rispetto a quanto previsto nei giorni scorsi, infatti, per garantire la copertura finanziaria del provvedimento reintrodotto dal Governo bisognerà reperire 87 milioni di euro all’anno, e non 72 come ipotizzato in precedenza. Una revisione al rialzo che rischia di vanificare gli sforzi del direttore generale della Sanità Paolo Monferino, che aveva parametrato la modulazione del ticket sulle stime precedentemente diffuse dal Ministero.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 28 luglio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo