img_big
News

Torino: soli e malati, è emergenza anziani. In 10mila chiedono un letto e cure

Anziani e disabili sempre più stretti nella morsa dei tempi lumaca della sa­nità. Basti pensare che i pazienti in “codice rosso” aspettano tre mesi per essere curati a casa, e questo vale per l’Asl To1 che per l’Asl To2. Crescono a dismisura le liste di attese di chi chiede, magari da un letto di ospedale, un posto in una Rsa. E aumentano i tempi di attesa anche per chi chiede di essere curato a casa. Anche sul fronte della disabilità la situazione è peggiorata ri­spetto soltanto all’anno scorso: aumen­tano i posti occupati in residenze e le richieste di cure a casa. Dai vertici delle Asl torinesi 1 e 2 il grido è di allarme. «La popolazione anziana aumenta e con lei anche le patologie da curare. Anche i disabili chiedono sempre più risposte. Siamo noi ora a chiedere un aiuto alle istituzioni». I numeri d’altra parte par­lano chiaro: oltre 10mila anziani sono nelle liste d’attesa delle Asl.
Secondo i dati dell’Asl To1 (al 30 giugno 2011) sono 1.493 gli anziani non auto­sufficienti in lista di attesa per ottenere un posto in una struttura re­sidenziale e 1.527 gli anziani che in una Rsa ci sono attual­mente. «A questi 1.527 pa­zienti – spiega la dottoressa Alba Baratta – si vanno ad aggiungere altri 46, che sono i posti letto che l’ospedale Molinette ha garantito al pre­sidio Valletta per i casi che hanno la massima priorità».

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 27 luglio  

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo