img_big
News

I Sì Tav vincono 2­-0. C’è la commissione e il Tar boccia Plano

 La Torino-Lione è salva, il Governo ha reinseri­to nella manovra il ripristino della commissione Via (Valutazione impatto ambientale) e il progetto potrà così essere approvato a breve. Ha vinto, questa volta, il pressing dei politici piemontesi schieratisi dalla stessa parte per difendere gli interessi del territorio, nel gior­no in cui oltretutto il Tar del Lazio ha respinto il ricorso della Comunità montana che chiede­va di sospendere il cantiere del­la Maddalena. Una doppia vitto­ria, un «Tav 2 – No Tav 0» per usare le parole del deputato Pdl Agostino Ghiglia. Se i tempi ro­mani saranno rispettati, dun­que, entro la fine del mese il documento avrà il nullaosta del Via e sarà sulla scrivania del Cipe (il comitato interministeriale per la program­mazione economica) da cui passano tutte le grandi opere che necessitano di finanziamento. In questo modo, con l’approvazione del tunnel di 57 chilo­metri fra Italia e Francia, verran­no rispettate tutte le condizioni poste dall’Unione europea (do­po l’apertura del cantiere di Chiomonte e l’accordo intergo­vernativo che sarà firmato a set­tembre) per confermare la prima tranche di fondi stanziati, quei 672 milioni già a rischio tagli per i ritardi sul crono-program­ma.

Tutti i particolari su CronacaQui in edicola il 15 luglio

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

banners
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo