img_big
News

STRAGE DI NIZZA Il nonno-eroe di Chiaverano che ha perso una gamba per salvare i nipoti valuta azioni legali

Gaetano Moscato, il nonno eroe originario di Chiaverano (To) che ha perso una gamba per salvare i nipoti in occasione della strage di Nizza dello scorso 14 luglio, sta valutando l’ipotesi di un’azione legale insieme agli altri feriti: “Stiamo cominciando a pensarci, ma serve qualcuno con una forte esperienza legata alle problematiche internazionali e ai danni alla persona. Non so quali tempi richiederà, ma non credo sia urgente: l’importante è farlo bene”. Il 71enne, pensionato Olivetti, si trova a Vigorso di Budrio, in provincia di Bologna, presso la clinica dove sono passati campioni come Alex Zanardi o l’olimpionica Bebe Vio: lì sta prendendo dimestichezza con la nuova protesi modellata apposta per lui, sottoponendosi a un delicato periodo di riabilitazione e fisioterapia.

IL RICORDO DELLA STRAGE. “Ora sto abbastanza bene – ha detto – non posso lamentami, ma un’esperienza simile non può passarti. Ero a spasso, rientravo dallo spettacolo dei fuochi d’artificio con cui è stata commemorato la festa della Repubblica, stavo chiacchierando con i miei familiari quando ho visto arrivare il camion a 100 metri di distanza, non mi sono reso conto di cosa stesse succedendo e di cosa ci facesse un camion sulla Promenade alle 11 di sera. Non abbiamo avuto il tempo di reagire in modo diverso, abbiamo provato a ripararci: sono stato colpito, ma ad altri è andata peggio perché sono morti e non hanno neanche il modo di raccontarlo”. Moscato rievoca anche i soccorsi: “Ero coricato per terra, poi ho raccolto i pezzi della mia gamba sperando che qualcuno potesse fare una ricostruzione impossibile, ma mi sono dovuto buttare a terra perché non ce la facevo più. Ho chiesto ai miei nipoti e a mia figlia di andare a cercare una cintura o un pezzo di corda per poter fermare l’emorragia: fortunatamente l’hanno trovato quasi subito, altrimenti con l’arteria femorale tranciata avrei avuto poco tempo per poter sopravvivere, di fatto mi hanno salvato la vita. E’ incomprensibile che un camion di quella portata sia stato fatto passare dalla polizia. E poteva andare peggio: se avesse avuto un carico di esplosivo sarebbe stata la fine del mondo”.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo