img_big
News
Nessuna intesa tra Regione Piemonte e Comune sul successore di Alberto Barbera

IL CASO. Museo del Cinema di Torino, fumata nera sul nome del nuovo direttore

Fumata nera sul nome del nuovo direttore del Museo Nazionale del Cinema di Torino. Nella riunione del Consiglio direttivo, che è ancora in corso, Regione Piemonte e Comune di Torino – i due principali soci dell’ente – non hanno trovato l’accordo sul successore di Alberto Barbera, il cui incarico di direttore scade a fine mese. Secondo quanto appreso, la Regione spinge su Alessandro Bianchi, già segretario della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo e del Maxxi di Roma, che ha partecipato alla selezione effettuata dalla Praxi e prevista dal bando per l’incarico. Palazzo Civico, sempre secondo quanto appreso, lo riterrebbe però troppo vicino al Pd e per questo si sarebbe opposto. Secondo quanto trapela dal consiglio direttivo, l’amministrazione pentastellata del Comune di Torino vedrebbe nel pressing della Regione Piemonte a favore di Bianchi – che sarebbe entrato tra i primi cinque nomi selezionati da Praxi soltanto dopo la rinuncia di Paolo Verri – un tentativo di lottizzare la nomina. Per questo motivo Palazzo civico propone di avviare un percorso con la nomina di un direttore amministrativo, da individuare tra le professionalità che già lavorano per il Museo, per poi scegliere il direttore artistico soltanto in un secondo momento.
 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo