img_big
News
Cartelli di protesta tra via Aosta e corso Brescia: «Sbagliato tagliare l’acqua»

L’AVVISO. Gli inquilini morosi sono troppi. «Pagate o restate all’asciutto»

Gli inquilini non pagano e l’amministrazione minaccia la sospensione dell’e r og a z io n e dell’acqua potabile. C’è un caso che preoccupa il quartiere Aurora e alcune palazzine collocate in via Aosta e corso Brescia. Alle porte degli stabili, lungo tutto il perimetro compreso tra largo Brescia e corso Giulio Cesare, sono stati affissi dei volantini che condannano la scelta di Smat «di chiudere i rubinetti – si legge – lasciando s en z’acqua interi condomini » . Tutta colpa della forte morosità di alcune famiglie che non hanno potuto far fronte al pagamento. Morosità ovviamente mai sanata. In pochi, però, sanno chi ha affisso i messaggi sui muri. «In molti condomini – continua la denuncia -, questo è avvenuto senza alcun preavviso e così c’è chi ha persino dovuto chiudere il negozio».

Un provvedimento ingiusto secondo molti residenti di corso Brescia che si sono ritrovati all’improvviso senza l’acqua, senza potersi fare una doccia o una lavatrice. «Le condizioni di vita nel quartiere sono già molto difficili – racconta un cittadino, che sceglie l’anonimato -. Oltre a chi rischia lo sfratto c’è anche chi ha pausa di trovarsi, dall’oggi al domani, senza la corrente. Ci sono persone che pagano e persone che purtroppo non possono permetterselo perché in condizioni economiche disagiate».

Una bomba ad orologeria secondo il capogruppo di Fdi della circoscrizione Sette, Patrizia Alessi. «Aurora è tappezzata da questi cartelli – replica Alessi -. Conosco famiglie che da quattro giorni sono senza acqua e di conseguenza senza riscaldamento. Urge da parte della Città un controllo capillare di chi abita in questi edifici. Per capire chi fa il furbo è chi, invece, va subito aiutato».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo