img_big
News
Il presidente della Otto, Davide Ricca: «Non si vada oltre la primavera»

LA SPERANZA. Lo sgombero delle palazzine Moi «L’ultima promessa per il borgo»

Il presidente della Circoscrizione 8, Davide Ricca non è certo disattento al lessico ma non ha il tabù dello «sgombero», parola che difficilmente viene accostata alle operazioni che Prefettura e Comune si preparano a mettere in campo per liberare le quattro palazzine del Moi occupate, ormai, da oltre tre anni e mezzo. «Se si chiama sgombero o in un altro modo, poco cambia » commenta Ricca. «Certo è che questa deve essere l’ultima promessa fatta al quartiere e deve realizzarsi. Il Borgo Filadelfia non ce la fa più a convivere con una situazione che, senza gli incidenti delle scorse settimane, non sarebbe stata affrontata con tanta urgenza». Nell’ultimo periodo, infatti, sono stati diversi gli incontri in Prefettura a cui hanno preso parte tutti gli attori – istituzionali e non – che hanno seguito la vicenda del Villaggio Olimpico.

«Da parte del Prefetto c’è sempre stata disponibilità ad individuare soluzioni costruttive e questa è anche la mia linea, bisogna raggiungere due obiettivi: assicurare la liberazione delle palazzine e garantire a chi ci vive di non trovarsi più in condizioni al limite, se non oltre, l’emergenza umanitaria». Per questo si potrebbe arrivare alla primavera. «Che ci si metta un giorno oppure tre mesi, l’importante è che venga rispettato quanto annunciato dal Comune» aggiunge Ricca, che chiede alla sindaca di «farsi un giro nel quartiere». Una visita istituzionale. «Nelle vesti di sindaco: sarebbe un segnale davvero importante di attenzione verso un territorio che ne ha ricevuta poca». Non che in passato l’emergenza non fosse tale. « Non posso negare che persino all’interno del Pd esistano posizioni diverse e che fosse necessario intervenire prima, magari con il piano che l’assessore Tisi e il sindaco Fassino stavano preparando prima della fine del mandato».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo