img_big
Politica
Chiamparino: “Sconfitta si spiega con politicizzazione”. Appendino: “Ora scelte condivise”

REFERENDUM. Il Piemonte vota No (59,95%). Il Sì, fermo al 40,05%, vince solo a Cuneo. A Torino affluenza da record

Referendum costituzionale: il Piemonte vota no. E’ questo il verdetto dell’urna in tutta la regione, dove la bocciatura della riforma Boschi ha incassato il 59,95% delle preferenze, mentre il Sì si è fermato al 40,05%. A Torino, città che ha il sindaco pentastellato, Chiara Appendino, il No ha raggiunto il 56,20%, il Sì il 43,80%.  A Cuneo il No vince con il 54,02%, il Sì con il 45,98%. A Biella il No vince con il 57,22%, il Sì resta al 42,78%. A Verbano-Cusio-Ossola il No è al 57,81%, il Sì al 42,19%. Più alta la percentuale ad Asti, dove il No incassa il 57,63% e il Sì si ferma al 42,37%, e ad Alessandria, dove il No è al 59,17% e il Sì al 40,83%. 
 
IL VOTO NELLE PROVINCE: IL SI VINCE SOLO A CUNEO
Per quanto concerne, invece, il voto nelle province, è quella di Alessandria la “circoscrizione” in cui il No al referendum costituzionale ha ottenuto i voti maggiori in Piemonte: il 59,9% dei voti, contro il 40,1% del Sì. Seguono Asti (57,6% No, 42,4% i Sì), Verbania (55,7% No, 44,3% Sì), Biella (56,4% No, 43,6% Sì) e Novara (55,5% No, 44,5% Sì). Il No a Vercelli si è fermato al 54,6%, contro il 45,4% del Sì, mentre sotto la Mole ha raccolto il 53,6% dei consensi (46,4% il Sì). In controtendenza la provincia di Cuneo, l’unica in tutto il Piemonte in cui ha vinto il Sì con il 51,7% dei consensi contro il 48,3% dl No.

I DATI DELL’AFFLUENZA : BOOM A TORINO 
Nelle grandi città la maggiore affluenza per il referendum, a chiusura delle urne, è stata registrata a Firenze, dove ha votato il 77,14% degli aventi diritto. A Roma la percentuale dei votanti è stata del 69,82%, meno che a Milano, dove ha votato il 71,71 degli aventi diritto. Alta affluenza anche a Bologna (75,14) e a Torino (71,48%) dove si sono recati alle urne sette votanti su dieci. Un dato da record quello registrato nel capoluogo piemontese dove hanno votato più persone al referendum che non per la scelta del sindaco. Nelle altre città è stata inferiore al 70 per cento: a Cagliari 67,36%, a Bari 63,17%, Catanzaro 58,48%, Palermo 55,94%, Napoli 53,86%. 

LAUS: STRAORDINARIA AFFLUENZA, CI RENDE ORGOGLIOSI
“Oggi è un altro giorno, lo straordinario dato dell’affluenza al voto ci deve rendere orgogliosi del nostro Paese. Questa è la bellezza della vita democratica!”. Lo scrive su Facebook il presidente del Consiglio regionale del Piemonte, Mauro Laus.

CHIAMPARINO: SCONFITTA SPIEGATA DA POLITICIZZAZIONE
“Sulla base dei dati disponibili appare una tendenza omogenea che delinea una sconfitta in larga parte spiegata dalla politicizzazione del confronto che, come in altre occasioni elettorali recenti, ha coalizzato il voto di opposizione”. Ad affermarlo il presidente della Regione Piemonte Sergio Chiamparino, che aggiunge: “ci saranno tempi e modi per una riflessione piu’ approfondita, ora, come sottolineato da piu’ parti, occorre ricostruire sia nel Paese che nel partito un terreno di confronto che non faccia arretrare l’Italia dai passi in avanti compiuti in questi ultimi anni sul piano delle riforme”. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo