Cronaca
La Taroni, infermiera amante e complice, non risponde ai giudici

MORTI IN CORSIA. Il medico di Saronno: “Ho agito per alleviare le sofferenze dei pazienti”

Leonardo Cazzaniga, il medico arrestato per le morti in corsia all’ospedale di Saronno, ha respinto l’accusa di aver voluto uccidere qualcuno. Durante il suo interrogatorio avrebbe spiegato che il somministrare farmaci serviva “per alleviare le sofferenze” dei pazienti. Ha respinto l’accusa di aver voluto uccidere qualcuno. Enza Mollica, il suo avvocato, ha nel frattempo presentato un’istanza di arresti domiciliari per il suo assistito. Laura Taroni, l’infermiera amante e complice, si è avvalsa della facoltà di non rispondere.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo