img_big
News
Impresari edili dovranno scontare 7 anni e 6 anni e 2 mesi

IL CASO. Asti, nascosero il corpo del muratore morto in cantiere: condannati

Sono stati condannati rispettivamente a sette anni e a sei anni e due mesi V.O, 53 anni e A.M. 52 anni i due impresari edili accusati di omicidio colposo e occultamento del cadavere di Mihai Istoc, 45 anni, operaio romeno trovato senza vita nel giugno 2009 nei boschi di Montafia, nell’Astigiano. E’ la sentenza di primo grado emessa dal giudice del tribunale di Asti, Roberto Amerio. L’uomo morì cadendo da un’impalcatura mentre stava svolgendo lavori d’intonacatura di una villetta di Venaria (Torino). I due imputati, presenti in aula e difesi dagli avvocati Roberta Rocchetti e Silvia Merlino, erano accusati di aver fatto sparire il corpo dell’uomo, nascondendolo sotto a un vecchio divano in un bosco nei pressi dell’abitazione di un loro parente a Villanova d’Asti. Le indagini dei carabinieri di Asti, a distanza di tre anni dal ritrovamento del cadavere, avevano ricostruito l’accaduto. Nella requisitoria, il pm Laura Deodato aveva chiesto dieci anni e sei per O. e 10 anni per M.

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo