img_big
Cronaca
I carabinieri stanno ascoltando numerosi testimoni per ricostruire la dinamica del terribile incidente

TRAGEDIA NELLA NOTTE. Auto pirata travolge due fidanzati. Lei muore sul colpo, lui finisce in ospedale

Tragedia nella notte a Foggia, dove un’auto pirata ha travolto una coppia di fidanzati, uccidendo una ragazza di 25 anni. E’ accaduto intorno alle 2.30 del mattino. La vittima, dopo aver trascorso la serata con amici in uno dei locali notturni in via Gramsci alla periferia della cittadina pugliese, stava salendo in auto con il fidanzato quando è sopraggiunto un altro mezzo a forte velocità che li ha travolti andando poi ad impattare contro altre vetture in sosta nella zona. Per la giovane, Luigia Campanaro, 25 anni, non c’è stato nulla da fare: la donna, che si era laureata da poco in Giurisprudenza, è morta praticamente all’istante. Ferito in modo non grave il ragazzo di 30 anni che è stato ricoverato agli Ospedali Riuniti di Foggia
 
ASCOLTATI NUMEROSI TESTIMONI
I carabinieri, per tutta la mattina hanno ascoltato numerosi testimoni dell’investimento mortale. I militari dell’Arma stanno cercando anche di ricostruire quanto accaduto con le immagini della video sorveglianza della zona. Particolare attenzione gli inquirenti la stanno ponendo su un’automobile, una Opel Zafira, che potrebbe essere quella utilizzata dal pirata della strada mentre la notizia che un giovane sarebbe stato fermato perché sospettato di essere il conducente di quell’auto che non si è fermata dopo l’investimento mortale, è stata successivamente smentita dagli investigatori. Per ora, infatti – secondo quanto appreso – non sono stati adottati provvedimenti giudiziari nei confronti di alcuno, ed anche il giovane portato questa mattina in caserma, è stato sentito solo come testimone. I militari stanno incrociando le dichiarazioni raccolte con quanto emerso dai rilievi tecnici e dalla visione dei filmati delle telecamere più vicine al luogo dell’incidente, e confidano di arrivare presto all’identificazione del pirata della strada. 

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo