img_big
News
La fattura ricevuta da un 79enne per quattro mesi. L’Eni: «Nessun errore»

IL DRAMMA. Maxi bolletta di luce e gas: «Devo pagare 8mila euro»

Quando il postino gli ha consegnato la lettera Franco Berta, 79 anni, residente in corso San Maurizio, non ha creduto ai suoi occhi. Quell’importo lo ha guardato e riguardato, almeno tre o quattro volte. In mano si è ritrovato una bolletta stratosferica che gli ha tolto il sonno e gli sta rovinando la vita. L’Eni, per la fornitura della luce e del gas, ha chiesto al proprio cliente un totale di oltre 8mila euro, un cifra riferita a quattro mesi del 2016. Per la precisione da fine aprile ad inizio settembre. Una cifra che – secondo Franco Berta potrebbe essere stata causata da un errore di lettura del contatore. «Si tratta chiaramente di un abbaglio – spiega l’uomo, giudice di pace in pensione -. Quel che è certo è che io non sono in grado di consumare in pochi mesi quello che una persona non consuma in un anno. Casa mia non è mica una discoteca».

Franco, però, ha scelto di non saldare quegli 8mila euro entro il primo di ottobre del 2016, come richiesto nella bolletta. Così a casa dell’uomo, a due passi dalla Mole, è arrivata mercoledì mattina una ingiunzione di pagamento, pena il taglio della luce entro tre giorni. «Ho subito parlato con il mio avvocato, Alfonso Picardi – rincara ancora Franco, visibilmente preoccupato -. Contatteremo Eni e chiederemo spiegazioni. In tutti questi anni non mi era mai capitato un imprevisto del genere ».

Sul presunto caso del 79enne gli uffici di Eni ci tengono a precisare che non ci sarebbe stato alcun errore di calcolo. «In merito alla fattura del signor Franco Berta – spiegano dall’azienda – Eni conferma che la fattura recepisce correttamente i consumi comunicateci dal distributore relativo ad un lungo periodo precedentemente fatturati in stima. Eni, come sempre, è pronta a soddisfare le esigenze dei clienti. È disponibile a concordare, in accordo con il cliente, anche un piano di rientro».

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo