img_big
News

L’OPERAZIONE. Torino, controlli a tappeto in bar e night club in San Donato e Madonna di Campagna: emesse pesanti sanzioni

Controlli straordinari del Reparto Prevenzione Crimine della polizia che ha controllato bar, circoli privati e night club nei quartieri di San Donato e Madonna di Campagna.

SAN DONATO.

Gli agenti del commissariato di zona hanno effettuato dei sopralluoghi nell’area di competenza in via Piria, Crevacuore, Carrera e Dronero. Durante le varie attività di Polizia, gli operatori hanno identificato circa 20 soggetti, di cui diversi stranieri, e rinvenuto cocaina all’interno di un appartamento sottoposto a perquisizione domiciliare. La titolare di un Night Club, invece,  è stata denunciata per aver somministrato bevande alcooliche a minori di anni 18.

 

MADONNA DI CAMPAGNA.

In un altro servizio a Madonna di Campagna, i poliziotti hanno controllato due circoli privati e un bar. Sono state identificate complessivamente 60 persone. Tre cittadini stranieri, un senegalese, un gabonese e un albanese, presenti all’interno del bar, sono stati messi a disposizione dell’Ufficio Immigrazione per l’accertamento della loro posizione sul territorio nazionale, essendo privi di documenti.

Il titolare del bar è stato denunciato per omessa manutenzione periodica degli estintori e sanzionato per la mancanza dell’etilometro e dell’esposizione della tabella del tasso alcolemico nonché di autorizzazioni relative alla struttura.

All’interno di uno dei due circoli privati, 24 su 30 delle persone presenti, risultavano prive della tessera soci, per questo motivo il presidente del circolo è stato denunciato per l’apertura abusiva di luogo di pubblico spettacolo o trattenimento. Inoltre, l’amministratore è stato denunciato per omessa manutenzione periodica degli estintori. È stato, inoltre, sanzionato amministrativamente per aver aperto un locale pubblico privo della relativa licenza, oltre che per l’omessa tenuta dell’etilometro e l’ omessa esposizione della tabella tasso alcolemico. Per questi motivi, il locale è stato chiuso e sottoposto a sequestro

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Precedente
Successivo
Precedente
Successivo