img_big
News
L’uomo, rintracciato a Ivrea, non ha opposto resistenza. Il ferimento dopo i rimproveri del suocero per i maltrattamenti alla figlia

FUGA FINITA. Rosta, sparò al padre della fidanzata dopo la lite nel parcheggio dei giostrai: arrestato dai carabinieri

E’ stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per tentato omicidio, porto illegale di armi in luogo pubblico e ricettazione ed è stato portato in carcere ad Ivrea Denuer Waisseil 30enne giostraio, senza fissa dimora, ritenuto responsabile del ferimento, giovedì scorso, con tre colpi all’addome del padre della fidanzata, Desiderio Icardi, 49 anni, anche lui giostraio (entrambi sono sinti piemontesiche lo aveva “affrontato” nel parcheggio dei giostrai di Rosta, nel Torinese, per difendere la figlia dai maltrattamenti più volte subiti. L’uomo è stato rintracciato e arrestato dai carabinieri della compagnia di Rivoli e del Nucleo Investigativo a pochi passi da un supermercato di Ivrea. Il trentenne, che non ha opposto resistenza, ha ammesso le proprie responsabilità e ha fatto ritrovare, al parco della Pellerina, a Torino, l’arma utilizzata per il ferimento, risultata rubata nel 2011 in provincia di Cuneo
 
IL RAID AL CULMINE DI UNA LITE
Waisse aveva premuto il grilletto al culmine di una lite sparando al padre della sua fidanzata, per poi darsi alla fuga in sella a uno scooter. Il fatto era successo a Rosta (Torino) giovedì scorso, in via Ponata, nel parcheggio antistante un noto complesso sportivo dove il giostraio stava accingendosi a scaricare alcuni gonfiabili dal suo camion che di lì a poco avrebbe iniziato a montare in vista della festa patronale. L’uomo era stato “affrontato” dal genero giunto sul posto in compagnia della moglie, a bordo di una Peugeot Tepee. Tra i due erano volate parole grosse, poi la lite era degenerata sfociando in una colluttazione vera e propria. Una lite nata, sembrerebbe, per il fatto che il suocero era convinto che il genero picchiasse la figlia. Prima erano volati schiaffi e pugni, poi il giovane aveva estratto dai pantaloni una pistola a tamburo e aveva esploso alcuni colpi d’arma da fuoco ferendo Icardi all’altezza dell’addome

 

Condividi sui social:

Scopri inoltre...

Sportegolando
RUBRICA
Precedente
Successivo
Precedente
Successivo